Droga: capo ultrà Milan Lucci condannato a 7 anni (2)

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – Nell'ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip di Milano, Fabrizio Felici, il capo ultras del Milan Lucci viene indicato come un personaggio che "sembra rivestire un'indiscussa leadership" nelle "attività di traffico di sostanze stupefacenti di vario genere di alcune persone sottoposte a intercettazione e frequentanti il gruppo ultras milanista 'Curva Sud'". L'accusa per gli otto destinatari dell'ordinanza di custodia cautelare è, a vario titolo e in concorso, di importazione di "ingenti" quantitativi di sostanze stupefacenti dal Marocco e dal Sudamerica.

L'indagine e il successivo processo hanno fatto emergere come Lucci avesse "relazioni con i narcotrafficanti esteri" e come spettasse a lui "l’organizzazione della piattaforma italiana su Encrochat". Nell'ordinanza dello scorso dicembre si evidenzia, inoltre, come il capo ultras del Milan "in virtù di ingenti disponibilità finanziarie di origine illecita" offrisse "assistenza ai correi che vengono arrestati, evidentemente in cambio della loro fedeltà e omertà". Oggi il giudice ha accolto l'impianto accusatorio e ha inflitto la pena richiesta dalla pubblica accusa durante la requisitoria.

L'indagine, che ha portato alla condanna odierna, è uno stralcio dell'inchiesta nata nel marzo 2019 dopo il tentato omicidio in via Cadore a Milano del trafficante Enzo Anghinelli, colpito alla testa mentre si trovava in auto.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli