Droga e vip da Ponte Milvio a Torpignattara, 17 arresti -3-

Nav

Roma, 17 set. (askanews) - Se Barberis è il personal trainer con legami nel mondo della droga, certamente altro soggetto forte dell'inchiesta della polizia è Fabrizio Capogna, già conosciuto negli ambienti della malavita romana per i suoi numerosi e precedenti specifici. Lui, boss a Tor Bella Monaca - si aggiunge - è stato più volte oggetto, in passato, di ordinanza di custodia cautelare in carcere, per associazione a delinquere finalizzata allo spaccio.

Soggetti sullo sfondo sono poi gli albanesi, come Arben Zogu. Lui, con Piscitelli gestiva lo spaccio in zona Ponte Milvio, al centro della Capitale. Gli arresti sono stati eseguiti dalla polizia, coordinata dal procuratore capo facente funzioni Michele Prestipino e dal pm Nadia Plastina. Gli spacciatori spesso si spostavano con i taxi per consegnare le "dosi". Il punto di contatto tra David Barberis e il clan degli albanesi che, insieme a Piscitelli, era Dorian Petoku, personaggio già noto per il legame con Zogu e Piscitelli.

Altra figura è quella di Luca De Dominicis detto 'Zoppo' e Davide Fedeli, noti fornitori della piazza di spaccio della Rustica. A loro si rivolgeva Barberis per approvvigionarsi di cocaina presa "a credito", si aggiunge. A conferma della rete capillare che nella Capitale tali soggetti avevano creato per garantirsi sostanza stupefacente a buon prezzo, emerge che lo stesso Fedeli aveva scelto quale fornitore ufficiale Capogna.(Segue)