Droga, polizia sequestra a Roma 17 chili di hashish e cocaina

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 25 giu. (askanews) - Aveva sotto il letto quasi 16 chili di hashish. Per questo e per altre dosi di cocaina è stato arrestato B.O. 47 anni, romano. A far scattare il provvedimento sono stati gli agenti del commissariato San Lorenzo, diretto da Giuseppe Rubino. La attività di spaccio avveniva nella zona adiacente a via Lucio Mummio.

In particolare nei giorni scorsi gli investigatori - si spiega in una nota - dopo aver seguito B.O. fino ad un cancello di un edificio hanno deciso di sottoporlo a controllo. L'uomo è stato trovato in possesso di un mazzo di chiavi e di 32,5 gr di cocaina. I poliziotti hanno poi effettuato una perquisizione, non nella casa dove l'uomo ha detto di abitare, ma in quella corrispondente al cancello di ingresso dove è stato fermato. Hanno così scoperto sotto il letto 15,5 kg di hashish, 523 gr di cocaina, un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento.

Altri 15,9 gr di marijuana, 73,1 gr di hashish ed un altro bilancino di precisione sono stati trovati nella sua residenza ufficiale.

A.C., 28enne originario di Colleferro, è stato invece arrestato durante un pattugliamento del territorio da parte degli agenti della Sezione Volanti. I poliziotti hanno notato il giovane scendere dalla macchina e incamminarsi di fretta verso via di Pietralata, dove, accortosi della presenza della Volante si è disfatto di un grosso involucro contenuto nella tasca laterale dei pantaloni, gettandolo a terra.

La perquisizione del giovane ha fatto scoprire agli agenti un altro pacco, nell'altra tasca del pantalone, all'interno del quale, come in quello rinvenuto sotto la macchina c'era dell'hashish, per un peso complessivo di 1 kg. e 5 mila euro in contanti, invece, sono stati rinvenuti poi dagli agenti delle volanti e dalla squadra di polizia giudiziaria del commissariato Sant'Ippolito nella sua abitazione. Al termine delle operazioni di rito anche per A.C. sono scattate le manette. E gli è stato sequestrato il telefono cellulare.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli