Droga: spaccio nei boschi, operazione cc Monza e Milano, 26 in carcere e 60 indagati

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 24 mag. (Adnkronos) – Maxioperazione anti-droga dei carabinieri del comando provinciale di Monza e Brianza e di Milano, alle prime luci dell’alba, nelle province di Milano, Pavia, Varese, Como, Cremona, Parma, Verbania e Novara. I militari hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Milano nei confronti di 32 pregiudicati – 22 di origine marocchina, 2 tunisina e 6 italiani – di cui 26 sono finiti in carcere. Sono ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti del tipo cocaina, eroina, hashish e marijuana, resistenza a pubblico ufficiale, ricettazione di auto ed armi ed evasione.

L’indagine, avviata da carabinieri di Lainate nell’ottobre 2016 con il supporto di attività tecniche ha consentito di documentare una rilevante attività di spaccio in tre aree boschive nel comune di Lainate e presidiate da tre differenti gruppi di pusher di etnia maghrebina. Tutti gli indagati, 60 complessivamente di cui uno minorenne, erano dediti al reperimento, all’intermediazione e alla consegna dello stupefacente. I tre gruppi erano particolarmente "pericolosi", arrivando a scontri armati per il controllo delle piazze di spaccio, ed erano abili nel reperire illegalmente telefoni cellulari e schede telefoniche con intestatari fittizi.

Nel corso dell’attività sono stati arrestati 25 soggetti in flagranza di spaccio con sequestro di oltre 20 chili di droga, per lo più cocaina, eroina e la somma contante di 215mila euro. La misure nei confronti di 32 persone (26 in carcere e 6 ai domiciliari) saranno eseguite nei confronti di altrettanti soggetti di cui 8 già ristretti, per altra causa, presso le Case Circondariali di Milano (Opera e Bollate) , pavia, Como, Cremona e Busto Arsizio.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli