Droghe, Dadone: troppe discussioni ideologiche da parte politica

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 30 giu. (askanews) - Sul tema delle droghe e su come combatterle "nella politica ha spesso prevalso un atteggiamento fatto di discorsi sterili e toppo ideologizzati", mentre appare "inutile l'inseguimento alla sola tracciabilità delle sostanze" che ha di fatto portato a tralasciare, ad esempio, "di lavorare a favore della prevenzione, che resta invece fondamentale per i giovani". Lo ha detto il ministro per le politiche giovanili, con delega alle politiche antidroga, Fabiana Dadone che ha preso la parola nel corso della video conferenza: "Dalla rete delle relazioni alle nuove politiche sulle dipendenze", organizzata dalle principali Reti del privato sociale accreditato: CNCA, FICT e Intercear, per celebrare la Giornata internazionale contro l'abuso e il traffico illecito di sostanze stupefacenti.

"Come sapete - ha detto il ministro - ho le deleghe da pochi mesi ed ho iniziato subito con i tavoli che ci porteranno alla Conferenze nazionale sulle tossicodipendenze. Negli ultimi anni posso dire che non ci sia stata troppa attenzione a questo tema scegliendo di dividersi in schieramenti e posizioni senza però fare attenzione alle relazioni, così come voi giustamente chiedete. Proprio il Covid ci ha insegnato, invece, che è decisivo riportare le persone al centro, soprattutto quelle con fragilità anche comportamentali. Il paradosso della pandemia ci ha poi fatto scoprire che quasi tutto si è fermato tranne il commercio di sostanze con i dati del 2020 che ci parlano di un incremento di sequestri delle sostanze e di un uso quadruplicato di cocaina. Il sistema paese è riuscito a reagire ma occorre, con l'attenuarsi dell' emergenza pandemia, ripartire dalle relazioni umane rimettendo anche i rapporti familiari al centro".

"In un'ottica di attenzione e prevenzione agli stili vita - ha poi concluso la ministra Dadone - il primo intervento è quello del prevenire e la prossima Conferenza ci deve vedere pronti e scevri da posizioni ideologiche per affrontare questa difficile questione in maniera più oggettiva e meno divisiva possibile".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli