Drusilla Foer e il suo alter ego Gianluca Gori: 'Non ci sono limiti'


Drusilla Foer durante un'intervista rilasciata a "Vanity Fair" ha parlato del suo "creatore e alter ego" Gianluca Gori.
"Dove finisce Gianluca e inizia Drusilla? Non ci sono limiti. Perché Drusilla non prende lo spazio di nessuno. È tutto naturale. Com’è naturale che nell’Amleto di Shakespeare a un certo punto Polonio muoia. Qui dentro ognuno è al suo posto. E i pensieri vengono da un unico assemblamento di valori", ha dichiarato al magazine.
Quando le è stato chiesto se la nascita del suo personaggio sia solo una "maschera" per riuscire ad affrontare meglio una società che non è ancora pronta ad accettarla, l'artista ha risposto: "Vede, le maschere non nascondono. Rendono solo più fruibile il contenuto. È come quando dici 'ti amo' a una persona in un modo goffo o distratto perché non hai il coraggio di guardarla negli occhi. Permettono di ascoltare senza sentirsi minacciati".
"Che cosa faticosa l’odio, non trova? Mi domando che rispetto di se stessi abbiano coloro che non sono in grado di rispettare l’unicità degli altri. Chi non capisce, chi non rispetta, chi non ascolta l’unicità degli altri è una persona sfortunata perché non si concede la libertà di farsi ispirare dal pensiero degli altri. È una prigionia che non auguro a nessuno", ha infine aggiunto la 54enne.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli