DS 3 Crossback, innovazione anche sotto il cofano

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·2 minuto per la lettura

Grazie al motore 1.2 Puretech, eletto per 4 anni consecutivi “Motore dell’anno”, DS 3 Crossback si conferma pronta ad affrontare la sfida dell’abbattimento della CO2. Questo risultato è frutto di un investimento complessivo di 410 milioni di euro e ben 210 brevetti, che garantiscono il 18% di riduzioni nelle emissioni di CO2 rispetto a un tradizionale motore 4 cilindri ed il 75% di abbattimento del particolato grazie ad un filtro dedicato.

La sua architettura a 3 cilindri mostra una insospettabile flessibilità, garantendo un ottimo equilibrio tra prestazioni e consumi e si adatta a tre distinti livelli di potenza enfatizzati dalla presenza di un turbocompressore capace di erogare rispettivamente 100, 130 oppure 155 CV. Potenze che vedono declinata anche una coppia rispettivamente flessibile che opera tra 205 e 240 Nm, a soli 1.750 giri per tutte le varianti. Il lato prestazionale è invece rimarcato dagli 8,2 secondi che il 155 CV impiega per passare da 0 a 100 km/h, come i 9,2 secondi per il 130 CV e i 10,9 per il 100 CV. Numeri interessanti che sono il frutto della leggerezza della DS 3 Crossback che si attesta a soli 1.276 kg di massa in ordine di marcia.

Grazie alla omologazione Euro 6.2D-ISC FCM, i motori PureTech sono a prova dell'immediato futuro, come dimostrano anche i valori relativi al consumo di carburante nell'uso combinato. In base al severo standard WLTP, i consumi vanno dai 5,4 litri per 100 km del 100 CV, ai 6,0 del 130 CV e ai 6,1 del più potente 155 CV.

Con un listino che esordisce dai 26.000 euro del PureTech 100 CV, DS 3 Crossback si presenta in tre distinti allestimenti che hanno il compito di proporre equipaggiamenti distintivi, denominati SO CHIC, GRAND CHIC, PERFORMANCE LINE e PERFORMANCE LINE+.