Ducati ed Hera insieme per la gestione dei rifiuti industriali

·1 minuto per la lettura

AGI - Ducati ed Hera insieme per la gestione dei rifiuti industriali: è quanto prevede il piano di azione legato alla riduzione dell'impatto ambientale generato dai rifiuti, per il cui sviluppo la casa motociclistica di Borgo Panigale si avvale della collaborazione con il Gruppo Hera e con la sua controllata Herambiente Servizi Industriali (Hasi), la più grande realtà italiana dedicata alla gestione dei rifiuti industriali. 

Per Ducati, Hasi svolge un servizio personalizzato a 360 gradi, con grande attenzione al riciclo e al recupero. “I risultati della collaborazione sono già arrivati: nei primi sei mesi del 2021 – spiega una nota congiunta delle due aziende - la percentuale dei rifiuti prodotti da Ducati e avviati al recupero ha raggiunto il 98%, con un incremento del 3% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, grazie anche alle nuove iniziative di trattamento e recupero dei rifiuti messe in campo”.

La collaborazione tra il Gruppo Hera e Ducati va oltre al campo della gestione dei rifiuti industriali, infatti è proprio dal lavoro congiunto tra le due realtà che nel 2016 ha preso vita la centrale di trigenerazione dell'azienda, realizzata da Hera Servizi Energia, che copre l'85% del fabbisogno elettrico e termico dello stabilimento nonché il 92% del fabbisogno di energia frigorifera.

Già nei primi sei mesi del 2021, grazie a questo impianto, “è stata evitata l'emissione di 998 tonnellate di Co2, con un risparmio di circa 430 tonnellate di petrolio. Nel corso dell'intero 2020 sono state 1.290 le tonnellate di anidride carbonica evitate e 550 le tonnellate di petrolio risparmiate”. Nella sede Ducati di Borgo Panigale sono disponibili 2 colonnine di ricarica fornite da Hera che offrono a dipendenti e fornitori la possibilità di ricaricare contemporaneamente 4 veicoli elettrici.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli