A due anni da partenariato Ue-Giappone, accordo si allarga

Red
·3 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 1 feb. (askanews) - Nel secondo anniversario dell'accordo di partenariato economico UE-Giappone (EPA), firmato il primo febbraio del 2019, il comitato misto istituito ai sensi dell'accordo, copresieduto dal vicepresidente esecutivo Valdis Dombrovskis e dal ministro degli affari esteri giapponese Toshimitsu Motegi, ha concordato l'istituzione di 28 ulteriori indicazioni geografiche protette (IGP) e impegnandosi nel rendere ancora più semplice il commercio del vino e dei veicoli.

Il vicepresidente esecutivo e Commissario per il commercio Valdis Dombrovskis ha dichiarato: "L'accordo di partenariato economico UE-Giappone è uno dei nostri accordi più importanti. Insieme, l'Ue e il Giappone rappresentano un quarto del PIL mondiale e il nostro commercio bilaterale raggiunge circa 170 miliardi di euro all'anno. Questo accordo ha reso il commercio più facile ed economico sia per i produttori dell'UE che per quelli giapponesi; ha aiutato sia gli agricoltori che i produttori. La nostra forte collaborazione sta ora dando ancora più frutti, con 28 prodotti agroalimentari di qualità più tradizionali ora protetti dalle imitazioni. Stiamo anche facilitando il commercio di vino e automobili, due settori chiave. Questo è molto positivo poiché lavoriamo per ricostruire la crescita economica dopo la pandemia Covid-19. Ma le relazioni UE-Giappone vanno oltre il commercio bilaterale. Entrambi sosteniamo un commercio globale aperto e basato su regole e una forte Organizzazione mondiale del commercio ".

Il commissario per l'Agricoltura Janusz Wojciechowski, dal canto suo, ha dichiarato: "Questo accordo è un ottimo esempio di commercio a vantaggio di entrambe le parti grazie alla fiducia reciproca e alla stretta cooperazione, in particolare per il settore agroalimentare. Ringrazio il Giappone per un dialogo sempre costruttivo e fruttuoso. Questo accordo è molto positivo per gli agricoltori giapponesi ed europei e continuerà ad esserlo. Dopo soli due anni dall'entrata in vigore dell'accordo, 28 indicazioni geografiche in più su entrambe le parti sono ora protette nei nostri rispettivi mercati. Questi prodotti hanno un reale valore aggiunto, che riflettono autenticità e qualità, mentre premiano ulteriormente i nostri agricoltori. Inoltre, grazie alla recente autorizzazione giapponese per le pratiche vinicole, i nostri produttori di vino europei potranno ora beneficiare di maggiori opportunità di esportazione. Ricorda: il buon cibo è un buon affare! "

Il comitato misto ha preso atto di una serie di risultati chiave

L'elenco delle indicazioni geografiche protette (IGP) dei paesi dell'UE e del Giappone include ora 28 IGP aggiuntive da ambedue i lati. Si tratta di uno sviluppo importante in quanto è l'espansione più rapida di un elenco di indicazioni geografiche nell'ambito di un accordo di libero scambio. Questo elenco si espanderà ulteriormente di 55 IGP per entrambe le parti. Alcune indicazioni geografiche dei paesi dell'UE includono Cassis de Dijon, olio d'oliva Kalamata e vino Cariñena.

L'esportazione di veicoli dall'altra parte diventerà più facile. Le due parti hanno concordato di estendere l'elenco dei requisiti di sicurezza che non richiederanno doppie approvazioni. Ad esempio, se l'UE rilascia una certificazione che attesta che un'auto prodotta nell'UE esportata in Giappone è conforme a determinati requisiti di sicurezza, il Giappone non controllerà più la conformità a tali requisiti e viceversa. Ciò include importanti tecnologie nuove e verdi, come i veicoli ibridi e alimentati a idrogeno.

Il Giappone ha recentemente avvicinato i propri standard enologici a quelli dell'UE in linea con l'accordo e ha autorizzato nel suo territorio diverse pratiche enologiche dell'UE. Di conseguenza, più vino dell'UE sarà in grado di raggiungere il mercato giapponese.

Le procedure per la richiesta e l'ottenimento delle preferenze tariffarie sono state notevolmente semplificate. Ciò ha reso più facile per le aziende dell'UE esportare in Giappone. La semplificazione delle procedure è particolarmente importante per le piccole imprese che spesso non dispongono di risorse per esplorare e utilizzare regole complicate.