Due auto imbottite di esplosivo hanno devastato il ministero dell'Istruzione della città somala

La seconda esplosione ripresa a lontano
La seconda esplosione ripresa a lontano

Carneficina in Africa, salgono a 100 i morti del duplice attentato di Mogadiscio, dove due auto imbottite di esplosivo hanno devastato il ministero dell’Istruzione della città somala lungo la strada centrale di Zobe. In un primo momenti il bilancio era stato di 9 vittime censite e di decine di feriti, ma nel corso delle ore purtroppo le persone che erano state investite dalle esplosioni sono morte dopo i soccorsi o durante le operazioni mentre altri morti emergevano dalle macerie ed il bilancio, purtroppo parrebbe non finale, è salito fino a numeri da massacro.

Mogadiscio, salgono a 100 i morti

Sono infatti diventati 100 i morti fatti dal duplice attacco con due autobomba avvenuto ieri al ministero dell’Istruzione a Mogadiscio, in Somalia. Le cifre le ha date direttamente il presidente della Somalia Hassan Sheikh Mohamud: “Cento persone sono morte e 300 sono rimaste ferite”.

L’annuncio del presidente: “Bilancio provvisorio”

Mohamud ha voluto aggiornare i cittadini dopo essersi recato sul luogo dell’attentato precisando che “il numero dei morti e dei feriti continua ad aumentare“. Sulla matrice dell’attentato sono in corso indagini di polizia ma la conferma che siano stati i terroristi jihadisti di Al-Shabab non c’è ancora, come non vi sarebbero ancora rivendicazioni ufficiali note.