Due bollettini, per i vaccinati e non: per comprendere meglio i rischi del virus

·2 minuto per la lettura
(Photo: Sean Rayford via Getty Images)
(Photo: Sean Rayford via Getty Images)

Due bollettini separati, per i vaccinati e non: per comprendere meglio i rischi del virus e l’effetto salvifico delle iniezioni anti covid. Alle Regioni spetterà il compito nelle prossime settimane di inviare a Roma i dati divisi per categoria. Lo scrive il Messaggero.

L’idea di fondo - spiega un alto funzionario del ministero della Sanità che sta lavorando al dossier - è di evidenziare le due epidemie distinte, una degli immunizzati che raramente finiscono intubati e una dei non vaccinati, ma anche prevenire le fake news che si moltiplicheranno quando in autunno le ospedalizzazioni saliranno.

La variante Delta è destinata a portare nuovamente in alto in contagi nei prossimi mesi e questo non deve dare spago ai complottisti no-vax

“In realtà - spiega l’alto dirigente - La percentuale di vaccinati ricoverati in Israele è infinitamente più bassa di quella dei non vaccinati. Questi ultimi sono pochi e dunque per un paradosso statistico è sembrato che i vaccini non funzionassero quando è vero invece l’esatto contrario”

Il Messaggero pubblica alcuni dati a sostegno della tesi, analizzando i casi di Campania, Sicilia e Veneto, dove a occupare gli ospedali sono soprattutto i non vaccinati.

In Sicilia ad esempio lo scorso 24 agosto c’erano 24 vaccinati in terapia intensiva su una platea di 2,9 milioni di persone con almeno una dose. I non vaccinati in rianimazione erano invece 78 su 1,6 milioni di persone. Particolarmente significativi i dati di Campania e Veneto che riflettono monitoraggi lunghi. Nella Regione guidata da Luca Zaia, ad esempio, da maggio fino a fine agosto, quindi per un periodo lungo più di 100 giorni, sono stati intubati solo 25 vaccinati contro ben 256 non vaccinati. Siamo a 10 volte di più ma in realtà la differenza di protezione è enormemente più ampia perché i non vaccinati veneti sono meno di un terzo rispetto ai “protetti”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli