I due conduttori sono stati ricoverati per le complicanze date dal virus

·3 minuto per la lettura
coronavirus-carlo-conti-gerry-scotti
coronavirus-carlo-conti-gerry-scotti

Carlo Conti e Gerry Scotti sono tornati a casa dopo aver contratto il Coronavirus. I due conduttori erano stati ricoverati a causa delle complicanze date dal virus ed erano stati costretti a respirare con l’aiuto dell’ossigeno. Una volta dimesso dall’ospedale, Gerry Scotti ha raccontato la sua esperienza e ha affermato di essere stato molto vicino al collega. L’esperienza del Covid-19 li ha uniti fortemente.

Coronavirus, Gerry Scotti su Carlo Conti

Da sempre tra i due conduttori di punta di Rai e Mediaset esiste una bella e sana amicizia. Carlo Conti e Gerry Scotti sono capisaldi della Tv italiana e i più amati dal grande pubblico. Purtroppo il Coronavirus non ha risparmiato nemmeno loro e dopo un primo momento passato da asintomatici, a distanza di qualche giorno l’uno dall’altro, sono stati ricoverati in ospedale. Carlo Conti al Carreggi di Firenze, Scotti al Covid Center dell’ospedale Humanitas di Milano. Dopo il brutto periodo passato in ospedale, entrambi sono stati dimessi e hanno voluto raccontare al pubblico le loro esperienze.

Le parole di Gerry Scotti

Il conduttore di Caduta Libera ha raccontato, in un’intervista al Corriere della Sera, di aver avuto la polmonite e di essere stato ricoverato a causa dei sintomi che non lo facevano più respirare autonomamente. Infatti, sia Scotti che Conti hanno avuto bisogno di cannula e casco per l’ossigeno. Nell’intervista Gerry ha ricordato quei momenti come i più brutti perché ha creduto di non farcela. Proprio durante il ricovero, però, in molti gli sono stati accanto, in particolare l’amico e collega Carlo Conti.

Con Carlo Conti abbiamo vissuto un’esperienza in parallelo. Io gli chiedevo: “Quanti litri di ossigeno?”, lui mi rispondeva ‘4’. E io invece stavo ancora a 5. E ancora: ‘La pastiglia, te l’hanno data?’. Abbiamo fatto come Coppi e Bartali…”. Un’esperienza che li ha uniti, evidentemente, in maniera indissolubile, seppur a centinaia di chilometri di distanza l’uno dall’altro. Per Scotti la parte più devastante è stata quella vissuta in terapia sub-intensiva.

Appena rientrato a casa dall’ospedale Humanitas, Scotti ha voluto rassicurare il suo pubblico con una foto in cui ha ringraziato tutti per l’affetto e i medici dell’azienda sanitaria per il sostegno e il lavoro svolto durante il ricovero.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Gerry Scotti (@gerryscotti)

Il racconto di Carlo Conti

Conti, invece, racconta con sofferenza il distacco dalla sua famiglia e il fatto che nessuno potesse stargli vicino fisicamente. Intervistato da Serena Bortone, nel programma Oggi è un altro giorno, il conduttore di Tale e Quale Show ha affermato di aver trascorso una settimana particolarmente difficoltosa. “Il pensiero andava a mio figlio e a mia moglie a casa nella speranza che non fossero positivi. La gioia più grande è avere la notizia che il loro tampone era negativo. Sono stato coccolato da una serie di attenzioni di medici, infermieri, personale sanitario”. Era stato lo stesso conduttore, con un post sul suo profilo Instagram, a informare il pubblico della sua positività al virus e ha deciso di tornare sul social per avvertire del suo rientro a casa.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Carlo Conti (@carloconti.tv)

Subito dopo le sue dimissione dall’ospedale, Carlo Conti è voluto tornare immediatamente a lavoro. Ha infatti deciso di condurre, nuovamente dal divano di casa, la semifinale del torneo di Tale e Quale Show. Passerà, invece, un altro po’ di tempo prima che Gerry Scotti possa ritornare nello studio di Caduta Libera.