Due deputati Usa a sorpresa a Kabul, l'ira di Washington

·1 minuto per la lettura

AGI - Due deputati americani sono volati a sorpresa a Kabul per verificare la situazione sul campo, irritando fortemente il dipartimento di Stato Usa e i militari che stanno disperatamente cercando di evacuare quante più persone possibili entro la scadenza del 31 agosto. Il democratico Seth Moulton e il repubblicano Peter Meijer sono arrivati allo scalo nella capitale afghana con un volo charter e vi sono rimasti per alcune ore prima di ripartire. "Come membri del Congresso, abbiamo il dovere di fornire una supervisione sul ramo esecutivo", hanno fatto sapere, rispondendo alle critiche.

"Abbiamo condotto questa visita in segreto, parlandone solo dopo la nostra partenza, per ridurre al minimo il rischio e i disagi per le persone a terra, e perchè eravamo li' per raccogliere informazioni, non per fare tribuna", hanno sottolineato i due parlamentari.

Fonti hanno riferito della rabbia al dipartimento di Stato e alla Casa Bianca che non erano stati avvertiti della missione e che hanno dovuto distrarre forze sul campo per fornire sicurezza e informazioni ai due.

Secondo la stampa, il Pentagono ne è venuto a conoscenza quando l'aereo con i due parlamentari a bordo era già in volo per Kabul. Alla luce di quanto avvenuto, la speaker della Camera, Nancy Pelosi, ha diffuso una nota per "ribadire che il dipartimento di Stato e la Difesa hanno richiesto che i parlamentari non si rechino in Afghanistan e nella regione in questo momento di pericolo".

"Assicurare la sicurezza e l'evacuazione degli individui a rischio richiede tutta l'attenzione delle squadre militari e diplomatiche americane sul terreno in Afghanistan", ha sottolineato. 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli