Due diapositive da Madrid: ecco perché con Sarri gioca Higuain e non Dybala

Nicola Balice

Una domanda ricorrente di questo avvio di stagione, destinata a durare ancora per diverso tempo, è la seguente: perché Maurizio Sarri preferisce Gonzalo Higuain a Paulo Dybala? A Firenze, si è arricchito il partito degli scettici. Contro Napoli e Atletico Madrid c'è stato spazio solo per chi vota Pipita. Perché il 'vero nove' ha fatto ancora una volta la differenza. Non è appariscente come un tempo, anzi per lunghi tratti sembra quasi uno spettatore non pagante. Poi però quando la Juve si deve distendere sa sempre cosa deve fare, come deve farla, quando deve farla. Il contropiede che ha portato al gol di Juan Cuadrado è da manuale: il Pipita detta il lancio a Leonardo Bonucci, fa sfogare il movimento di Cristiano Ronaldo che porta via tutta la difesa avversaria senza la paura di dovergli dare per forza il pallone, pesca Cuadrado col contagiri. E poi tante altre cose di grande importanza, magari poco visibili all'occhio di chi guarda. Ha tempi, ha voglia, ha capacità di lettura. Continuo per novanta minuti forse non lo sarà più, ammesso lo sia mai stato. Ma è in questo momento quello che Sarri vuole per affiancare Ronaldo. 

DYBALADybala, invece, semplicemente non lo è ancora. E non per quello che fa palla al piede. Ma per quello che fa o non fa senza pallone. Il suo ingresso in realtà è stato anche positivo, in una decina di minuti non sono mancate le giocate della Joya. Ma il suo momento è fotografato dal gol di Hector Herrera, che Dybala lascia passare come se non fosse nemmeno in area di rigore a pochi minuti dal termine. Due fotografie che spiegano perché in qeusto momento Higuain sì e perché Dybala no. Una questione di testa prima di tutto. Ma Dybala alla Juve serve come il pane, il miglior Dybala: per recuperarlo bisogna dargli spazio, fare in modo che possa ritrovare fiducia, smetterla forse anche di trattarlo come tutti gli altri. Ritrovato il vero Higuain, con un vero Dybala in più allora saranno dolori per gli altri. Ma nel frattempo da Madrid arrivano due diapositive che fanno capire perché Sarri per ora sceglie il Pipita.