"Due dosi di vaccino non sono sufficienti contro la variante Omicron". L'appello del ministro alla Salute britannico

·1 minuto per la lettura
18/12/2021 Londra,  le tradizionali vie dello shopping in quello che tradizionalmente è il sabato più affollato prima di Natale; si è  registrata una flessione del traffico pedonale, a causa dell'incremento di positivi al Covid, dovuto alla variante Omicron (Photo: Justin NgJustin Ng / Avalon)
18/12/2021 Londra, le tradizionali vie dello shopping in quello che tradizionalmente è il sabato più affollato prima di Natale; si è registrata una flessione del traffico pedonale, a causa dell'incremento di positivi al Covid, dovuto alla variante Omicron (Photo: Justin NgJustin Ng / Avalon)

L’impatto dell’aumento dei casi di Covid-19 sul sistema sanitario britannico è “una grande sfida”. Lo ha detto il ministro della Salute britannico, Sajid Javid, ai microfoni dell’emittente radiotelevisiva “Bbc”, affermando che “non c’è un modo semplice per affrontare queste sfide” e che è tempo che i cittadini britannici agiscano con cautela mentre ci si appropinqua alle festività natalizie.

“E’ un momento difficile molto impegnativo, ma le persone stanno rispondendo a ciò che vedono intorno a loro”, ha aggiunto Javid. “Sappiamo che la variante Omicron si sta diffondendo rapidamente. Sappiamo già ora che a Londra si tratta di circa l′80 per cento dei contagi, in Inghilterra di circa il 60 per cento”, ha aggiunto il ministro, affermando che eventuali nuove restrizioni rispetto a quelle previste nel cosiddetto “Piano B” saranno presentate in Parlamento se necessario. “Penso che il popolo britannico capisca che questa pandemia richiede azioni straordinarie”, ha detto il ministro, secondo cui al momento si è capito “che due dosi di vaccino non sono sufficienti contro la variante”, e per questo ha invitato la popolazione a sottoporsi ai richiami.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli