I due giovani stavano studiando l'omicidio di massa della Columbine High School

·1 minuto per la lettura
Florida, adolescenti pianificano strage scolastica
Florida, adolescenti pianificano strage scolastica

Adolescenti di 14 e 13 anni pianificano strage scolastica in Florida: richiesta perizia psichiatrica, resteranno in un carcere per minori.

Florida, adolescenti pianificano una strage a scuola

Due studenti americani, adolescenti di 13 e 14 anni, sono stati fermati nella giornata di giovedì 9 settembre, mentre studiavano un piano per realizzare una strage in una scuola in Florida, in particolare una sparatoria di massa nelle scuole medie che frequentavano.

Avevano pianificato tutto, infatti, Phillip Byrd e Connor Pruett: un ordigno artigianale costruito e sequestrato in una delle due abitazioni, delle armi e una mappa dell’interno della loro scuola, la Harns Marsh Middle di Fort Myers, in Florida. Stavano studiando le posizioni delle telecamere di sorveglianza per poter agire poi, in uno dei giorni a seguire.

Florida, adolescenti pianificano una strage a scuola: la perquisizione

Sono stati i compagni di classe a dare l’allarme: un ragazzo ha una pistola nello zaino. L’arma in questione non c’era, ma da quel momento sono scattate le indagini.

Dalla prima perquisizione in casa, sono state scoperte armi da fuoco, una bomba rudimentale costruita a mano, coltelli e soprattutto prove del fatto che entrambi stessero studiando scrupolosamente l’omicidio di massa della Columbine High School, del 1999.

Florida, adolescenti pianificano una strage a scuola, la madre di Philipp: “È solo un ragazzino”

“È solo un ragazzino”. Queste sono state le parole di Carrie Tuller, a difesa del figlio Philipp Byrd. Secondo la donna, che ha parlato in tribunale a difesa del 14enne, i due non avevano nessuna reale intenzione di mettere in pratica il piano.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli