Due opere della street artist Camilla Falsini per “Piazze Aperte”

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 21 dic. (askanews) - L'agenzia milanese indipendente specializzata in attivazioni urbane e campagne di comunicazione non convenzionale Jungle si aggiudica il bando del Comune di Milano per il progetto di riqualificazione urbana "Piazze Aperte".

Le piazze scelte per questa speciale iniziativa sono Piazzale Loreto e Piazza Tito Minniti nel quartiere di Isola, a Milano. A dar loro nuovo colore è la nota artista italiana Camilla Falsini, una delle più famose street artist italiane il cui lavoro spazia dall'illustrazione alle pitture murali, e che ha già all'attivo opere a Milano, Roma, Torino, Palermo, Napoli, Padova e Bologna.

Gli interventi di colorazione di Piazza Tito Minniti e Piazzale Loreto vengono realizzati attraverso il progetto europeo CLEAR, finanziato dall'EIT Urban Mobility, agenzia dello European Institute of Innovation and Technology. Il progetto, attivo dal 2019 (e già coinvolto l'anno scorso nei lavori di Piazza Belloveso), vede Milano lavorare in rete con Amsterdam, Monaco, le loro università tecniche (TUM e UvA) e UNStudio per condividere buone pratiche di trasformazioni urbane "tattiche", dedicate alla mobilità attiva e allo spazio pubblico.

Per il 2020, CLEAR ha creato un concorso di selezione per un artista, con l'obiettivo di realizzare le colorazioni di Piazza Tito Minniti e Piazzale Loreto, che lo scorso ottobre ha totalizzato ben 43 candidature con altrettante proposte grafiche. Il vincitore della selezione è risultata l'agenzia Jungle insieme all'artista romana Camilla Falsini: il gruppo ha lavorato anche in collaborazione con i comitati cittadini di quartiere, per condividere con loro le scelte grafiche e i colori dell'intervento studiati ad hoc per ognuna delle piazze.

Per Piazzale Loreto, l'artista è partita dalle strutture urbane della città ridisegnate attraverso semplici forme geometriche; con un po' di attenzione si noterà che gli edifici e le strade si intrecciano per formare alcune lettere che compongono proprio la parola LORETO. Il fondo antracite scelto risalta ancor più la scritta nascosta che esplode in modo caleidoscopico grazie a colori pieni e sgargianti.

In Piazza Tito Minniti, le lettere che formano la parola ISOLA raccontano la sua storia: così, per esempio, la I diventa un grattacielo che simboleggia la parte più avveniristica della zona mentre la A una casa per sottolineare che il quartiere è reso vivo anche da chi lo abita. Il concept dell'artwork inoltre, data la nuova area pedonale della piazza, è stato pensato anche per essere un playground per i più piccoli; sono stati infatti inseriti degli elementi di gioco per i bambini come, ad esempio, un labirinto in cui perdersi e un percorso a zig zag in cui saltare da un triangolo all'altro.