L'uomo che ha accoltellato due agenti a Bruxelles aveva avvertito la polizia che avrebbe ucciso

L'uomo che ha accoltellato due agenti a Bruxelles aveva avvertito la polizia che avrebbe ucciso (REUTERS/Clement Rossignol)
L'uomo che ha accoltellato due agenti a Bruxelles aveva avvertito la polizia che avrebbe ucciso (REUTERS/Clement Rossignol)

AGI - Due poliziotti sono stati accoltellati a Bruxelles, nel quartiere Schaerbeek su rue d'Aerschot nei pressi della Gare du Nord. Uno di loro è morto. L'aggressore invece è stato ferito a colpi d'arma da fuoco da un'altra pattuglia intervenuta sul posto. Secondo alcuni media locali l'aggressore avrebbe urlato 'Allah Akbar' ma al momento la versione non viene né confermata né smentita dagli investigatori.

Secondo le prime ricostruzioni dei media belgi, il sospettato si era presentato oggi a mezzogiorno in un commissariato a Evere (municipio della capitale), annunciando l'intenzione di commettere un attacco contro la polizia.

LEGGI ANCHE: Poliziotto ucciso a coltellate a Bruxelles

Sotto la supervisione di un magistrato, è stato portato con il proprio consenso in ospedale con l'obiettivo di sottoporlo a una valutazione psichiatrica. A quanto pare, è stato successivamente dimesso.

Nella serata, attorno alle 19.45, l'uomo ha quindi portato a compimento il suo piano: armato di un coltello ha aggredito due agenti in servizio Schaerbeek, in una via adiacente Gare du Nord. Uno dei poliziotti, colpito al collo, è deceduto. L'altro è ricoverato in ospedale.

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Sparatoria in Israele: uomo uccide 5 persone a Tel Aviv