Due pusher arrestati a Milano con 3,7 kg tra “fumo”, “erba” e coca

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 16 feb. (askanews) - Ieri pomeriggio a Milano, i poliziotti del commissariato Porta Ticinese hanno arrestato per spaccio due 32enni italiani trovati complessivamente in possesso di 3,55 chilogrammi tra marijuana e hashish, e 154 grammi di cocaina.

Lo ha riferito la questura del capoluogo lombardo, spiegando che gli agenti dopo aver individuato e fatto un appostamento fuori da un'abitazione in via Longhi dove si spacciava, ieri pomeriggio hanno deciso di perquisire l'appartamento in cui c'erano i due, uno dei quali risultato il padrone di casa. Nel soggiorno gli agenti hanno trovato 2,1 chili di "erba", divisi in 20 sacchetti pronti per essere venduti, e nella camera da letto hanno trovato il "fumo", la "bamba", 420 euro in contanti, bilancini di precisione e materiale per il confezionamento delle dosi, che sono stati sequestrati "a carico" del proprietario di casa che ha precedenti di polizia.

I poliziotti hanno quindi perquisito anche l'abitazione in via Marco d'Agrate del secondo 32enne, incensurato, dove sono stati scoperti altri otto grammi di cocaina, 400 euro in contanti e un bilancino di precisione. Ulteriori accertamenti hanno permesso di risalire a uno studio professionale in via Zanella sempre di proprietà di quest'ultimo, dove sono stati rinvenuti altri 126 grammi di cocaina, 148 grammi di marijuana, circa 100 grammi di hashish e un bilancino di precisione.