Due volte in ospedale, muore bimbo 3 anni nel vicentino

(Getty Images)

Un bambino di 3 anni è morto a Valli del Pasubio (Vicenza) dopo essere stato ricoverato due volte in ospedale. Nel pomeriggio il piccolo era stato portato dai genitori al pronto soccorso pediatrico del nosocomio di Santorso a causa di un forte mal di pancia. Dimesso dopo gli accertamenti del caso era tornato a casa, ma i dolori si erano fatti sempre più forti al punto da costringere i genitori a una nuova corsa al pronto soccorso. Pochi minuti dopo il rientro in ospedale il bambino è morto.

I genitori: "Gli hanno prescritto acqua e zucchero"

"Il medico lo ha visto pallido, ci ha detto che era disidratato e che sarebbe bastata un po' di acqua e zucchero" ha raccontato la mamma Erica. Al ritorno in ospedale, si scopre che il piccolo era diabetico. Il papà ha commentato così: "Non sappiamo niente. Una cosa possiamo dirla: avrebbero potuto fare qualche esame in più, magari così sarebbe emerso qualche valore fuori scala, qualche campanello d'allarme".

LEGGI ANCHE - Nello schianto in auto uccide i due figli, la fidanzata lo difende

Sulla vicenda stanno indagando i carabinieri di Schio, che mantengono il più stretto riserbo. La Procura di Vicenza potrebbe aprire un'inchiesta. Già disposta l'autopsia per stabilire le cause del decesso.

Intanto, in una nota, l'Usl 7 ha espresso "tutto il proprio cordoglio alla famiglia del piccolo". "Il personale medico coinvolto nel caso - continua l'azienda sanitaria - aveva già manifestato la volontà di eseguire un'autopsia per cercare di capire le cause all'origine di questo improvviso decesso, ma nelle ultime ore è intervenuta direttamente la magistratura. In attesa delle decisioni della magistratura, l'azienda assicura fin d'ora la massima collaborazione per cercare di chiarire le cause del decesso".

GUARDA ANCHE: Fiorella Mannoia, il dolce gesto per la piccola fan

"È una disgrazia che ci lascia attoniti, senza parole – commenta il sindaco di Valli del Pasubio, Carlo Bettanin – è un dolore enorme per la comunità, una perdita per tutti... Ora, la prima cosa che dobbiamo fare, è stringerci attorno ai genitori: non devono essere lasciati soli".

GUARDA ANCHE: Fedez e il malore in Sicilia: come sta il rapper?