Duecento docenti di diritto: "Accanimento su Lucano, clima ostilità verso chi aiuta i migranti'

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Palermo, 4 ott. (Adnkronos) – C'è stato "un accanimento" sull'ex sindaco di Riace Mimmo Lucano, condannato a 13 anni e due mesi. Ne sono convinti 195 docenti di discipline giuridiche degli atenei italiani e anche stranieri, che hanno voluto firmare una nota di solidarietà nei confronti di Lucano. I docenti parlano anche di un "clima di ostilità verso chi "appartiene al mondo che esprime fattivamente solidarietà alle persone migranti". "La sentenza in primo grado che condanna Mimmo Lucano, ex sindaco di Riace, a 13 anni e 2 mesi interroga il nostro senso di giustizia. Da giuristi e giuriste, e studiosi e studiose del diritto e delle istituzioni, attendiamo, prima di ogni valutazione nel merito, di leggere le motivazioni della sentenza e con fiducia pensiamo ai successivi gradi di giudizio come a momenti in cui maggiore chiarezza potrà essere fatta. Sin da subito, però, non possiamo esimerci dal sottolineare come il Tribunale di Locri abbia ritenuto, per i reati di associazione, truffa sulle erogazioni pubbliche e di peculato, ai cui singoli episodi è stata riconosciuta la continuazione, di applicare una pena estremamente elevata, a fronte di uno stimato danno erariale di meno di 800.000 euro di cui è stato comunque imposto il risarcimento", si legge nella nota firmata 195 docenti di discipline giuridiche delle università italiane a commento della sentenza di condanna dell'ex sindaco di Riace Mimmo Lucano.

"La sentenza irroga di conseguenza un ammontare complessivo di pena che raramente è stato disposto per reati analoghi anche in procedimenti in cui il vantaggio ingiusto era ben più consistente e rivolto a finalità ben più individualistiche di quelle attribuite a Mimmo Lucano – dicono i docenti – Basti pensare alle condanne inflitte, nell’ambito del cosiddetto processo “Mafia capitale”, poi diventato “Mondo di mezzo”, a Salvatore Buzzi e Massimo Carminati, che pur relative a sedici episodi corruttivi, sette di turbativa d’asta, uno di traffico di influenze illecite e uno di trasferimento fraudolento di valori, sono state di gravità inferiore a quella stabilita per l’ex sindaco di Riace".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli