Duello Renzi-Salvini: chi ha vinto? Il sondaggio di Notizie.it

duello renzi salvini porta a porta sondaggi

Quello andato in onda dagli studi di Porta a porta è stato un “Matteo contro Matteo“, un duello che ha visto opporsi il segretario della Lega Salvini al fondatore di Italia Viva Renzi. Per oltre 75 minuti, i due leader politici si sono scontrati senza riserve sui temi più cari ai rispettivi partiti, dalla questione migratoria alla manovra economica in corso di approvazione, dalla sindaca Virginia Raggi al Russiagate. Ma chi, tra i due, è il vero vincitore del confronto televisivo? Lo abbiamo chiesto ai lettori di Notizie.it.

Duello Renzi-Salvini: il sondaggio

Duello Renzi-Salvini a Porta a porta: chi ha vinto secondo voi?”. Questa la domanda posta ai lettori sulla pagina Facebook di Notizie.it. I risultati del sondaggio (aggiornati alle ore 18 di mercoledì 16 ottobre, con 7.090 voti), segnano la vittoria del segretario della Lega. Salvini ha infatti raccolto il 75% dei consensi, ovvero 5.317 voti. Il fondatore di Italia Viva si aggiudica il restante 25%, pari a 1.775 voti.

“È stato un confronto civile” ha commentato Salvini al termine della trasmissione. “Chi ha vinto? Non chiedetelo a me che sono parte in causa”. A chi gli chiede quando si terrà il prossimo confronto, risponde: “Con Giuseppi quando vuole, dove vuole, sulla rete che vuole”.

Lo scontro a Porta a porta

Matteo Renzi ha accusato l’avversario di aver fatto “una cosa senza capo né coda” che lo ha costretto ad agire come mai avrebbe voluto, ovvero alleandosi con il M5s. “C’era di mezzo l’interesse del Paese, allora lo abbiamo fatto” spiega il senatore fiorentino. “Salvini invece promette tutto a tutti ma non ha mai portato a casa niente, e sono 27 anni che fa politica”. L’ex premier rivendica risultati che superano quelli vantati dal segretario leghista, come lo stanziamento di risorse alle forze dell’ordine (“Conte-Salvini hanno messo due miliardi, Renzi e Gentiloni sei”) e nega la volontà di introdurre tasse sulle merendine e sulle badanti.

L’ex ministro dell’Interno ha ribattuto sottolineando che “se lui [Renzi, ndr] ha il 4%, io ho il 33%. È un genio incompreso. Ha fatto tutto e gli italiani non se ne sono accorti, ha portato pure la pace nel mondo”. Non è mancato un commento sulla questione migratoria (“Io non raccolgo i cadaveri? Pessimo gusto. L’immigrazione è bella ma non quella degli scafisti”) e una previsione sulle elezioni in Umbria (“Prenderanno una botta che ricorderanno per i prossimi 50 anni”). Gli animi si sono scaldati anche su quota 100, sui 49 milioni della Lega e sul Russiagate.