Duomo Milano, Pravadelli: incassi 2021 da turisti al 30% su 2019

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 5 nov. (askanews) - Dopo l'annus horribilis della pandemia, i turisti sono tornati a visitare il complesso museale del Duomo a Milano. Certo i livelli pre-pandemia sono ancora lontani ma i segnali di ripresa ci sono. "Per fortuna il turismo è aumentato di molto con il 70% dei turisti che sono stranieri", ha detto durante una conferenza stampa il direttore generale della Veneranda Fabbrica del Duomo, Fulvio Pravadelli, che ha anticipato una chiusura per il 2021 "con un incasso turistico al 30% rispetto al 2019". "Abbiamo riaperto a maggio con una capienza di 100 persone al giorno - ha ricordato sottolineando questa forte penalizzazione per gli ingressi - ma stiamo andando decisamente meglio" rispetto al 2020. "Da agosto, settembre, ottobre e novembre, mese su mese vediamo valori che si assestano sul 50% rispetto al 2019", ha precisato.

Un anno fa il presidente Fedele Confalonieri lanciava un allarme per il crollo dei turisti che lo scorso anno si erano fermati a circa 550mila contro i quasi 3 milioni del 2019. Crollo che ha significato anche mancati incassi (lo scorso anno si persero 23 milioni rispetto ai 12 mesi precedenti), proprio quegli incassi necessari a finanziare il cantiere permanente del Duomo, che ha costante bisogno di cure e manutenzione.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli