Duplice tentato omicidio a San Lorenzo

·2 minuto per la lettura
Ambulanza
Ambulanza

Nella giornata del 16 dicembre 2020, all’ora di pranzo, un padre di 75 anni ha accoltellato i due figli, di 25 e 26 anni, perché il volume della televisione era troppo alto. Il duplice tentato omicidio è avvenuto a San Lorenzo, Roma, in Via degli Ausoni. Sul posto sono subito intervenute le volanti della polizia e le ambulanze.

Padre accoltella i figli

I figli sono stati accoltellati al petto e il ragazzo di 25 anni è in gravissime condizioni perché è stato colpito al cuore. Le ambulanze li hanno immediatamente trasportati al pronto soccorso del Policlinico Umberto I, dove sono stati trasferiti in Terapia Intensiva. Il più giovane deve essere operato d’urgenza. Gli agenti del commissariato San Lorenzo hanno ricostruito i fatti. Al loro arrivo hanno trovato il padre sporco di sangue e incapace di parlare in quanto era in stato confusionale. I poliziotti hanno accertato che l’autore del duplice accoltellamento era proprio lui, che era ospite in casa perché era stato poco bene. In quell’appartamento vivono i figli con la madre e avevano deciso di ospitare l’uomo per aiutarlo a riprendersi più in fretta. “Ho visto sangue dappertutto e poi ho sentito delle grida fortissime” ha dichiarato la moglie, che ha assistito solo in parte all’aggressione, alla polizia. Secondo la ricostruzione, a far perdere la pazienza all’uomo è stato il volume della televisione in camera dei due ragazzi.

L’uomo, in un primo momento, ha chiesto di abbassare, ma non avendo ottenuto risposte è passato alla violenza. Si è recato in cucina, ha preso un coltello seghettato ed è entrato in camera dei figli per colpirli, con una violenza davvero devastante. Il coltello è affondato nel petto del primo figlio, di 26 anni, e poi le coltellate sono arrivate anche per l’altro figlio, sempre al petto. Quando sono arrivati i soccorsi i medici si sono subito resi conto che la situazione era molto grave. Le ferite erano molto evidenti ed era presente anche un’emorragia. Il padre è stato portato in carcere con l’accusa di duplice tentato omicidio. Sul luogo è arrivata una squadra della Polizia scientifica per scattare le foto e repertare il coltello. “Non ricordo quello che ho fatto” ha raccontato l’uomo di 75 anni, ancora in stato confusionale. L’uomo era molto provato, balbettava e continuava a ripetere di non ricordare cosa è successo.