Duranti (Radio Radio): "Istruttoria Agcom per frasi antisemite? Manipolazione indegna per screditare Michetti"

·1 minuto per la lettura

"Frasi antisemite? Ma chi? Ma quando mai? E' una di quelle invenzioni e manipolazioni mediatiche come non si sono mai viste, indegna, utile al solo scopo di accaparrarsi una manciata di voti da parte della comunità ebraica e t entare di screditare il candidato sindaco Enrico Michetti". E' l'ira del fondatore ed editore di Radio Radio Fabio Duranti che commenta così all'Adnkronos la notizia dell'apertura, da parte dell'Agcom, di un'istruttoria a carico dell'emittente radiofonica "per le affermazioni sugli ebrei e il nazifascismo pronunciate nel corso di alcune trasmissioni".

"Mimmo Politanò (il conduttore che avrebbe pronunciato le frasi, ndr) è la persona più buona del mondo, un uomo che sparge amore dalla mattina alla sera, è una di quelle persone che cerca di mettere pace ovunque -tuona Duranti- e su di lui ci metterei non una, ma cento mani sul fuoco". Per l'editore radiofonico si tratta di "un evidente tentativo dell'altra parte politica, che sostiene il candidato Gualtieri, di raggranellare qualche voto da parte di persone della comunità ebraica sperando che caschino in questi tranelli -spiega Duranti- Ma non c'è nulla, assolutamente nulla di vero".

Tant'è che "lunedì sicuramente sarà finito tutto -è l'analisi del conduttore- Loro giocano sul fatto che facendo queste azioni il giovedì o venerdì prima del ballottaggio, non ci sia il tempo di mettere una pezza". Ciononostante, osserva Duranti, "io non so nulla ufficialmente di questa istruttoria ma se dovesse andare avanti a quel punto metteremo la cosa nelle mani dei nostri legali, perché non accettiamo intimidazioni di sorta. Si tratta di una manipolazione vergognosa ai danni di un uomo specchiato", conclude l'editore di Radio Radio.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli