D'Urso-DeFilippi: ipotesi sugli screzi dopo il comunicato

·1 minuto per la lettura
Barbara D'Urso Maria De Filippi
Barbara D'Urso Maria De Filippi

I rumor sulle presunte tensioni interne tra Maria De Filippi e Barbara D’Urso si rincorrono da anni. Pare infatti che la moglie di Maurizio Costanzo abbia fatto apporre una strana clausola al contratto della presentatrice partenopea che le proibirebbe di trattare i temi dei suoi programmi e di sfruttare i personaggi delle sue trasmissioni. Dopo il comunicato della Fascino apparso sul web nelle scorse ore, ecco che la magagna è nuovamente tornata a galla. Così Davide Maggio ha cercato di fare un po’ di chiarezza spiegando cosa ci sia di vero sul caso De Filippi-D’Urso.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Secondo dunque la ricostruzione del noto blog televisivo, la storia che lega la Fascino a Barbara D’Urso partirebbe da lontano. La Carmelita nazionale sarebbe del resto solo uno dei tasselli di un puzzle più grande, “che comprende chi cura e gestisce i suoi programmi nonché la stessa azienda Mediaset”. Per anni, i produttori dei programmi di Maria De Filippi avrebbero avuto dei confronti con quelli degli show della D’Urso al fine di evitare che gli ospiti dei suoi salotti potessero ledere le trasmissioni della collega.

Per questo la Fascino ha deciso di inviare la diffida, al fine di evitare che si possa screditare il lavoro del gruppo. Le ipotesi percorribili erano del resto due: controllare le parole degli opinionisti della D’Urso oppure imporre il silenzio per evitare ulteriori spiacevoli episodi.