"E' l'Europa che sta spingendo l'Italia ad accettare i soldi cinesi"

Angela Mauro

"E' l'Europa che sta costringendo l'Italia ad accettare il denaro cinese. Ma, d'altra parte, l'Italia deve stare con gli occhi aperti...". Shock. Qui non è Luigi Di Maio che parla o Matteo Salvini o qualche sovranista arrabbiato con l'Unione Europea. Questo è il ragionamento che fa il premio Nobel per l'Economia Joseph Stiglitz. Lo incontriamo di primo mattino a Bruxelles, prima della presentazione del suo libro 'Rewriting the rules of the European Economy', scritto con la collaborazione di altri economisti e soprattutto con la Feps, la Fondazione per gli studi europei vicina ai socialisti. Come sempre, Stiglitz esce dal selciato praticato dai politici, benché stavolta ci sia proprio vicino: in mattinata presenta il libro con il Commissario europeo per gli Affari Economici Pierre Moscovici. Ma il premio Nobel, che l'anno scorso consigliò all'Italia addirittura di uscire dalla zona euro, continua a sorprendere. "Se l'Italia esce causa una tragedia in Europa, se rimane la causa in Italia...", dice Stiglitz, libero com'è dalle appartenenze. Ossigeno.

E allora, gli parliamo del memorandum che il governo Conte sta per firmare con Pechino tra le polemiche partite da Washington e rimbalzate nelle Cancellerie europee. Stiglitz parte dalle prime ricette di austerity applicate alla Grecia nel 2010: "Alla Grecia furono promessi fondi e crescita. Non sono arrivati né gli uni, né gli altri. Quindi, siccome l'Europa non mette in campo fondi per crescere, un paese che è in stagnazione, recessione, depressione che deve fare? E' l'Europa che sta costringendo l'Italia ad accettare il denaro cinese. Ma, d'altra parte, l'Italia deve stare con gli occhi aperti, individuare i rischi di una trattativa coi cinesi. Alle spalle abbiamo già degli esempi drammatici: lo Sri Lanka e la Malaysia, dove l'aiuto cinese diede luogo a fenomeni di profonda corruzione. Ecco, speriamo che l'Italia abbia imparato da queste lezioni e concordi per bene con Pechino i termini di tutto l'accordo....

Continua a leggere su HuffPost