E-commerce, Cina: chi non rispetta proprietà intellettuale chiude

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 2 set. (askanews) - Le piattaforme di e-commerce che non rispetteranno le regole sulla proprietà intellettuale perderanno la loro licenza. E' questo il senso della riforma alla legge sull'e-commerce che è in discussione in questo momento in Cina e che vede sul banco degli imputati, ancora una volta, giganti dell'economia digitale come Alibaba di Jack Ma e Pinduoduo. Lo scrive il sito di informazione economica cinese Caixin.

La riforma - che interviene sulla Legge sull'e-commerce del 2019 - prevede anche una responsabilità delle piattaforme nel caso in cui esse ignorino violazioni della proprietà intellettuale da parte dei venditori da loro ospitati.

I legislatori cinesi dovranno valutare questo emendamento fino al 14 ottobre.

Al momento la legge prevede che le piattaforme facciano da mediazione tra il titolare di un diritto di proprietà intellettuale e il venditore, in caso di violazione. E che cancellino i link o ne impediscano l'accesso una volta che siano informati di possibili violazioni. Il problema, però, riguarda la sanzione che è irrisoria, andando da 50mila a 2 milioni di yuan (6540-261.500 euro).

I titolari del diritto di proprietà intellettuale, inoltre, potrannoavranno 20 giorni lavorativi e non più 15 per rispondere alle argomentazioni dei venditori.

Le piattaforme di e-commerce cinesi non si sono finora particolarmente distinte per rispetto della proprietà intellettuale. Taobao (Alibaba) è stata inserita del 2016 nella blacklist del governo Usa per ripetute violazioni, mentre Pinduoduo non è ignota a tale lista.

Durante i negoziati per porre termine alla guerra commerciale, nel 2019, la Cina aveva espresso l'impegno di ridurre entro il 2022 le violazioni della proprietà intellettuale.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli