E' decollato da Malpensa il primo volo internazionale Covid free

·2 minuto per la lettura
E' decollato da Malpensa il primo volo internazionale Covid free
E' decollato da Malpensa il primo volo internazionale Covid free

AGI - È decollato il 26 settembre alle 13.45 dall'aeroporto di Milano Malpensa il primo volo Covid free internazionale con destinazione Nanchino.

Il collegamento diretto è operato da Neos, la compagnia aerea del Gruppo Alpitour. Il volo, che unisce Milano Malpensa a Nanchino, è l'unico attualmente operativo fra i due Paesi: la compagnia aerea ha voluto perciò inserire a suo carico un terzo tampone rapido durante il check-in, per ridurre al minimo i rischi del personale navigante e dei passeggeri.

Il test si somma al tampone molecolare e al test sierologico, richiesti dalla normativa cinese e da effettuare entro le 48 ore che precedono la partenza. I passeggeri, precedentemente avvertiti, sono stati accolti in aeroporto e guidati dal personale sanitario nell'iter di registrazione, realizzazione e comunicazione dell'esito del tampone.

GUARDA ANCHE - Strage di balene in Nuova Zelanda

L'area adibita ai test è stata allestita in una zona contingente a quella dei check-in, con percorsi dedicati a garantire il corretto distanziamento in ogni fase. L'ulteriore step inserito in fase di check-in - informa una nota - è stato deciso in seguito alla raccomandazione del Consolato Generale Cinese e l'Amministrazione dell'Aviazione Civile della Cina: l'obiettivo è predisporre un rafforzamento delle misure di prevenzione contro la trasmissione del virus, scongiurando il blocco delle attività e dei flussi fra Italia e Cina.

Una volta atterrati a Nanchino, è previsto un ultimo tampone che possa riconfermare la negatività dei passeggeri al Covid.

Il primo volo covid free è decollato pieno, come quelli effettuati da Neos in questi mesi da e verso la Cina: il trend sottolinea l'importanza strategica della tratta, essenziale al tessuto economico di entrambi i Paesi. Da quando è stato ripristinato il collegamento a inizio luglio, sono stati realizzati infatti 58 voli con aeromobili 787 Dreamliner di ultima generazione, ognuno dei quali al massimo della capacità prevista dalla normativa vigente: il 75%, ossia 269 passeggeri a bordo.

GUARDA ANCHE - Misterioso monolite nel deserto

Armando Brunini, Amministratore Delegato di Sea, ha dichiarato: “I test prima del volo sono uno strumento fondamentale per sostenere il traffico aereo, soprattutto quello intercontinentale, finché sarà necessario convivere con il virus. Il volo di oggi di Neos è un primo risultato importante. Un altro passaggio fondamentale sarà la creazione di corridoi sanitari tra Stati che garantiscano voli Covid-free e diminuiscano la necessità di quarantene. Questa operazione è più complessa ed è irrealizzabile senza il supporto dei Ministeri competenti, con i quali siamo già in contatto da settembre”.