"E io non pago". La Svezia ferma i pagamenti a Pfizer per i vaccini

Gianni Del Vecchio
·Condirettore
·1 minuto per la lettura
Manhattan, New York. November 27, 2020. A man walks in front of Pfizer headquarter in Midtown. (Photo: Massimo Giachetti via Getty Images)
Manhattan, New York. November 27, 2020. A man walks in front of Pfizer headquarter in Midtown. (Photo: Massimo Giachetti via Getty Images)

La Svezia sospende i pagamenti a Pfizer per il vaccino anti-Covid. Secondo i media, Stoccolma vuole un chiarimento sul numero di dosi fatturato. L’azienda americana ha addebitato sei dosi per fiala, mentre in origine si pensava che da ogni fiala ne potessero essere estratte solo cinque.

La Svezia vuole che Unione europea e Pfizer raggiungano un accordo su quante dosi conteggiare per ogni fiale. “Fino ad allora, abbiamo detto all’azienda che dobbiamo aspettare con le fatture che sono disponibili finchè non otteniamo chiarezza su ciò che si applica”, ha detto il capo epidemiologo Anders Tegnell al quotidiano Dagens Nyheter.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.