E' morta Sara Danius

webinfo@adnkronos.com

La filologa e saggista svedese Sara Danius, prima donna alla guida dell'Accademia Reale Svedese, che assegna il Premio Nobel per la Letteratura, che un anno fa ha rassegnato le dimissioni perché travolta dallo scandalo che ha coinvolto l'istituzione, è morta all'età di 57 anni. La notizia della scomparsa, che è avvenuta due giorni dopo l'annuncio del doppio Nobel letterario a Peter Handke e Olga Tokarczuk, è stata data dalla famiglia. Secondo la stampa di Stoccolma era malata da tempo di un tumore al cervello, che sarebbe stato rivelato agli accademici nel 2014. 

Danius era entrata a far parte dell'Accademia Svedese nel 2013 e dal 1º giugno 2015 al 12 aprile 2018 ne è stata il segretario permanente, quando è stata costretta a dimettersi per il suo presunto "atteggiamento morbido" verso la vicenda delle molestie sessuali che aveva coinvolto il fotografo e regista franco-svedese Jean-Claude Arnault, marito di Katarina Frostenson, poetessa e membro dell'Accademia dal 1992 (lui è stato condannato a due anni per uno stupro e la moglie si è dimessa). 

Danius denunciò le sue dimissioni dopo tre ore di riunione di emergenza dei membri dell'Accademia Svedese. "L'Accademia desidera che io rinunci alla mia posizione di segretario permanente. Mi sarebbe piaciuto continuare ma ci sono altre cose da fare nella vita", disse con tono drammatico. 

L'anno scorso Sara Danius ha pubblicato un libro sul cantautore statunitense Bob Dylan: e proprio lei ha avuto un ruolo centrale nel far avere nel 2016 al 'menestrello del rock' il Premio Nobel per la Letteratura. Sotto la guida di Danius, il Nobel è stato assegnato oltre che a Dylan alla scrittrice bielorussa Svetlana Alexievitch e allo scrittore giapponese naturalizzato britannico Kazuo Ishiguro. 

Nata a Taby il 5 aprile 1962, Sara Danius si è laureata in letteratura e filologia nel 1989, ricevendo un Master of Arts nell'Università di Nottingham. Ha poi ottenuto due dottorati di ricerca, uno nell'Università Duke nel 1997 e uno nel 1999 presso l'università di Uppsala. Era membro esecutivo presso la Accademia Reale Svedese di lettere, storia e antichità dal 2010.