E' morto Graeme Gibson, marito di Margaret Atwood

webinfo@adnkronos.com

di Paolo Martini  

Lo scrittore canadese Graeme Gibson, marito dell'acclamata romanziera canadese Margaret Atwood, è morto all'età di 85 anni. La scomparsa è avvenuta Londra, dove Gibson, da tempo sofferente di complicazioni legate alla demenza senile, stava accompagnando la celebre moglie nel tour internazionale per la presentazione di "I testamenti", il sequel del bestseller "Il racconto dell'ancella", uscito a livello internazionale lo scorso 10 settembre (in Italia da Ponte alle Grazie). La notizia della sua morte è stata annunciata dalla casa editrice Penguin Random House Canada, che pubblica sia i libri di Gibson che della Atwood 

Nato il 4agosto 1934 in Ontario, Gibson viveva a Toronto con la moglie. Ha pubblicato i romanzi "Five Legs" (1969), "Communion" (1971), "Perpetual Motion" (1982) e "Gentleman Death" (1993), prima di decidere nel 1996 di non scrivere più libri di narrativa. E' autore anche di "Eleven Canadian Novelists" (1973). 

"Siamo devastati dalla perdita di Graeme, il nostro amato padre, nonno e coniuge, ma allo stesso tempo siamo grati per aver conosciuto la sua saggezza, il suo impegno e la sua etica dimostrati in vita", ha dichiarato Atwood in una nota diffusa dal suo editore. "Ha avuto delle belle settimane negli ultimi tempi e ora se n'è andato circondato da amore, amicizia e apprezzamento". La scomparsa del marito avviene per Atwood nella settimana in cui "I testamenti" è al vertice nelle classifiche in Usa e nel Regno Unito e sono già pronte le ristampe per far fronte alle continue richieste dei lettori. 

In Italia di Gibson è stato pubblicato il romanzo "Signor Morte" (Besa editore, 2011), una storia di fantasmi: il narratore, Robert Fraser, è alle prese con la scrittura di alcune storie, le quali si intrecciano con il suo passato e il suo presente. Lo scrittore è stato anche un ambientalista e ha fatto parte del comitato direttivo del Wwf Canada ed ha ricoperto la carica di presidente della sezione canadese dell’associazione letteraria Pen Club.