È morto Max Conteddu, il poeta-guerriero dei social che ha raccontato il tumore col sorriso

(Photo: Facebook)

Ha raccontato sui social l’evolversi della sua malattia, un tumore al cervello, sempre con il sorriso tra le labbra e molta ironia, raccogliendo oltre 40mila follower su Instagram e Twitter. Massimiliano Conteddu - nickname istintomaximo - è morto a Siniscola, dove abitava in località Capo Comino.

Poche le notizie che trapelano nel paese del Nuorese, mentre sui social è grande il cordoglio di amici e follower. Il suo ultimo tweet risale al 10 febbraio scorso, quando pubblica 9 cuori e uno zero finale che alcuni hanno interpretato come un conto alla rovescia. Il giorno prima scrive: “Tenete in tasca un po’ di sole. Ne avrete bisogno quando farà buio nella vostra vita”.

La scoperta della malattia arriva lo scorso anno: lui sceglie di non arrendersi ma di combattere. Come Nadia Toffa, di cui scriveva: “Chiariamoci una volta per tutte: lei definì il tumore come un dono, perché le aveva fatto aprire gli occhi. Ma io gli occhi li avevo già aperti prima di questo intruso. Non è un dono, è una Malediazione. Nadia, resti comunque una guerriera”.

Twitter si stringe intorno a Max. Da quando la notizia della sua morte ha iniziato a diffondersi online, l’hashtag #CiaoMax è balzato al primo posto dei trending topic su Twitter, dove sono numerosi i messaggi di cordoglio.

“Ha condiviso la malattia sui social senza mai perdere il sorriso. Che la sua forza sia di esempio”, twitta Laura. “È entrato nella vita di chi ha avuto il privilegio di imbattersi nella sua storia sfondando la porta, toccando la coscienza di molti di noi come fosse carne viva, facendo in modo che ci interrogassimo e crescessimo. Oggi c’è una tristezza infinita”, è la riflessione di Antonio. “Oggi tutte le scaramucce di Twitter sono sparite. Nudi, vestiti, belli, brutti... Tutti accomunati da questo dolore che ci pareva impossibile provare su un social”, scrive Pier.

Love HuffPost? Become a founding member of HuffPost Plus today.

This article originally appeared on HuffPost.