E' morto Paolo Bonaiuti

webinfo@adnkronos.com

E' morto Paolo Bonaiuti, storico portavoce di Silvio Berlusconi. Bonaiuti, 79 anni, è stato sottosegretario alla presidenza del Consiglio nei governi Berlusconi II, III e IV. 

Berlusconi: "Mi è mancato molto in questi anni e mi mancherà" 

"Perdo un amico, compagno di tante battaglie politiche ma anche di acute riflessioni cui lo portavano la sua grande professionalità, equilibrio e saggezza. Con lui va via un pezzo della mia vita politica, ma resta nel mio cuore l'immutato affetto per un grande uomo. Ciao Paolo'', dichiara il senatore di Forza Italia ed ex presidente del Senato Renato Schifani.  

Numerosi e immediati i messaggi di cordoglio. "A nome mio e di tutta Fratelli d’Italia desidero esprimere cordoglio e vicinanza alla famiglia Bonaiuti per la scomparsa di Paolo. Era un uomo intelligente e sensibile, capace di sorridere di fronte a qualunque avversità. Con lui ho condiviso un tratto del mio percorso politico e ne porterò nel cuore un ricordo affettuoso", dichiara la leader di Fdi, Giorgia Meloni. 

"Apprendo con dolore della scomparsa di Paolo Bonaiuti, compagno di viaggio in una importante stagione politica. Di lui ricordo con piacere l’aria sorniona e serena e la sua grande professionalità. Ai suoi cari giungano le mie sincere condoglianze”, le parole di Ignazio La Russa, vicepresidente del Senato e senatore di Fratelli d’Italia. 

"Sono addolorato per la scomparsa di Paolo Bonaiuti. Con lui abbiamo condiviso tante battaglie elettorali, di partito e di comunicazione. Ma soprattutto con lui abbiamo condiviso una storia politica ed umana e mi sento di dire anche una sincera amicizia. Ci mancherà", dice il deputato Maurizio Lupi di Noi con l'Italia. 

"Il mio pensiero commosso va a Paolo Bonaiuti, appena scomparso dopo una lunga malattia. Mi unisco al dolore della moglie Daniela e dei familiari tutti", scrive su twitter la vicepresidente della Camera, Mara Carfagna, deputata Fi. 

"Trattengo il dolore e saluto Paolino Bonaiuti con la leggerezza che lui ci avrebbe chiesto in questo momento: lui era parte della ‘Italia del sorriso’ di Berlusconi, ossia un approccio serio ma non serioso alla politica, al governo, alla vita. E’ stato un personaggio straordinario, un uomo buonissimo, un giornalista di straordinario acume e valore’’, il ricordo di Gianfranco Rotondi.