E' morto Renzo Gattegna, ex presidente Ucei

webinfo@adnkronos.com
·2 minuto per la lettura

È morto Renzo Gattegna, dal 2006 al 2016 presidente dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane. Avvocato civilista, era nato a Roma nel 1939. "Una scomparsa che lascia un vuoto immenso in tutto l’ebraismo e in tutta la società italiana", si legge su Moked, il portale dell'ebraismo italiano che ne dà notizia.

"Durante le sue tre esperienze al vertice dell’Unione Gattegna ha intensamente lavorato per fare del mondo ebraico un attore di primo piano della vita nazionale attraverso iniziative volte a favorire il dialogo, l’incontro, il confronto delle idee - si legge - Un confronto sempre a testa alta, con la piena consapevolezza dell’immensa eredità di oltre duemila anni di storia e radici. Leadership salda, disponibilità all’ascolto, valorizzazione del pluralismo, capacità di incidere sui grandi temi del dibattito pubblico. Questi sono stati i dieci anni di Gattegna, figura dall’immenso valore umano oltre che eccellente diplomatico e mediatore tra posizioni diverse".

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, profondamente colpito dalla scomparsa dell’avvocato Renzo Gattegna, ha inviato alla famiglia un messaggio di cordoglio nel quale ricorda “l’impegno profuso con intelligenza, garbo ed equilibrio durante i lunghi anni vissuti alla guida dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane”. Lo rende noto il Quirinale.

"Renzo Gattegna nel corso della sua vita è stato capace di affiancare una prestigiosa attività professionale di avvocato con un impegno costante nelle organizzazioni ebraiche, iniziato con i gruppi giovanili e proseguito con i consigli comunitari e dell’unione delle comunità di cui è diventato presidente. La sua attività si è caratterizzata per la dedizione costante e per uno stile pacato ma deciso e mai rinunciatario - il ricordo del Rabbino Capo di Roma Riccardo Di Segni - cercando sempre di mettere d’accordo le diversità e costruire insieme, guidato da una forte fede nei valori e nelle istituzioni che amministrava e rappresentava".

“Ho appreso con grande dolore della scomparsa di Renzo Gattegna - scrive in una nota Ruth Dureghello, presidente della Comunità Ebraica di Roma - Da sempre protagonista della vita comunitaria, si è sempre speso per difendere la causa ebraica e d’Israele. Un galantuomo che ha seduto prima nel Consiglio della Comunità Ebraica di Roma per poi diventare Presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane. Una guida sempre contraddistinta da un forte senso di appartenenza e grande generosità. Figura istituzionalmente riconosciuta, ha reso l’ebraismo italiano interlocutore per l’intera società civile. Se ne va un altro uomo di grande spessore, lasciando un vuoto in tutti noi. In questo momento difficile esprimo la mia vicinanza alla moglie e ai figli. Il ricordo di Renzo e i suoi insegnamenti rimarranno per sempre impressi nei nostri cuori".