E' morto Sante Notarnicola, il "bandito poeta" della banda Cavallero

·1 minuto per la lettura

AGI - E' morto a 82 anni Sante Notarnicola, il "bandito poeta" della banda Cavallero. Nato nel 1938 a Castellaneta, aveva trascorso la prima infanzia fra miseria ed emarginazione sociale. Abbandonato dal padre, finisce in un Istituto per l'infanzia abbandonata, dal quale esce a 13 anni per raggiungere la madre, nel frattempo emigrata a Torino. Nel capoluogo piemontese inizia a frequentare gruppi di operai ed ex partigiani. E' il 1959 quando Notarnicola comincia a organizzare una serie di rapine in banche e gioiellerie ed è durante una di queste (il sanguinoso assalto a una filiale del Banco di Napoli a Milano durante la quale perdono la vita 4 persone) che, nel 1967, viene arrestato, insieme a Cavallero e altri due compagni, e successivamente condannato all'ergastolo.

GUARDA ANCHE - Estratto vivo dall'auto in fiamme, l'incredibile salvataggio

In carcere fu protagonista di numerose rivolte per ottenere migliori condizioni detentive e scoprì la passione per lo studio e la scrittura. Nel 1972 pubblicò per Feltrinelli "L'evasione impossibile", il suo primo libro. Seguirono le raccolte di poesie "Con quest'anima inquieta" e "La nostalgia e la memoria".

La sua figura ha ispirato il cinema e la musica. Nel film "Banditi a Milano", di Carlo Lizzani, che racconta la storia della banda Cavallero, è interpretato da Don Backy. Nel 1978 era il suo il primo nome della lista di tredici detenuti da liberare indicati dalle Brigate rosse in cambio del rilascio di Aldo Moro.

Uscito di prigione ha trascorso a Bologna gli ultimi anni della sua vita. Dal 1995, in regime di semilibertà, gestiva il pub Mutenye dedicandosi a a numerosi progetti sociali e culturali. Dal 21 gennaio 2000 era un uomo libero.