È morto Sidney Poitier, leggenda di Hollywood - FOTO

Lutto nel mondo del cinema. Si è spento, all'età di 94 anni, l'attore Sidney Poitier, una vera leggenda, star di "Indovina chi viene a cena?", film iconico nella denuncia del razzismo nella società americana. 

Poitier era stato il primo attore nero a vincere l'Oscar come miglior protagonista nel 1964, grazie a "I Gigli del Campo". Nel 2002 aveva ricevuto anche l'Oscar alla carriera. La notizia della sua morte è stata data dai media bahamiani, che hanno citato il ministro degli Esteri del Paese di cui erano originari i genitori dell'attore.

La vita e la carriera

Figlio di contadini di un'isoletta delle Bahamas, a 16 anni era stato spedito dai genitori a Miami e poi a New York. Era nato nato su una barca in mezzo al mare mentre i suoi genitori portavano i pomodori a vendere al mercato. Dopo umili lavori, piccola delinquenza e un breve arruolamento nell'esercito americano, tenta la strada del teatro e va in scena a Broadway con una Lisistrata realizzata da una compagnia di soli neri. Nel suo film d'esordio, "Uomo bianco tu vivrai" di Mankiewicz (1949), ha la parte di un medico ingiustamente accusato dai razzisti di aver lasciato morire un suo amico. 

Diventa ben presto l'emblema di una causa antirazzista combattuta da non violento con le armi del dialogo e della civiltà (tra i suoi punti di riferimento ci sono Gandhi e Nelson Mandela). In "Indovina chi viene a cena?" (1967) e "La calda notte dell' ispettore Tibbs", i suoi maggiori successi, si trova di fronte a due diverse forme di razzismo: la prima, molto educatamente controllata, è rappresentata dalla coppia Spencer Tracy-Katharine Hepburn, genitori progressisti che si vedono arrivare a cena, con grande sorpresa, il fidanzato di colore della figlia; la seconda è invece incarnata dal truce sceriffo Rod Steiger con cui Poitier, ispettore di polizia, dovrebbe collaborare su un caso di omicidio. 

Anche se la sua notorietà è principalmente legata ai tantissimi ruoli di attore, Poitier è stato anche regista di una decina di film tra cui "Hanky Panky - Fuga per due", una commedia mascherata da thriller con Gene Wilder. Credente, progressista ma mai rivoluzionario, il nero di Hollywood estremamente determinato nonostante le sue buone maniere ha spianato la strada del cinema americano a tutti gli attori di colore che si sono affermati dopo di lui.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli