E' morto a New York il rapper Dark Man X

·1 minuto per la lettura

AGI - Earl Simmons, noto come Dark Man X e DMX, uno dei rapper più tormentati della musica americana, è morto. Aveva 50 anni.

La causa sarebbe un “catrastrofico arresto cardiaco”, secondo l'ospedale di White Plans, New York, dove l'artista era stato ricoverato d'urgenza il 2 aprile.     

L'ipotesi che circola, al momento non confermata, è che Simmons possa essere stato vittima di un'overdose. Nella sua carriera DMX ha venduto milioni di dischi, dall'esordio, nel '98, con il suo primo album, “It's dark and hell is hot”.

Tra i pezzi celebri, “Ruff Ruders' anthem” “Get at me dog”, “Stop being greedy” e “How it's goin' down”. Sulla scena con altri artisti come Jay-Z, Method Man e Redman, DMX è stato spesso paragonato al leggendario Tupac Shakur, considerato come uno dei più influenti artisti rap nel ‘freestyle' di sempre.    

Timbro di voce cavernoso, Simmons ha fatto spesso parlare per i suoi testi gotici e oscuri, oltre ad alcune storie controverse legate al consumo di droga, il possesso di armi e un arresto per guida senza patente e possesso di marijuana.

Accusato di stupro, l'artista venne poi prosciolto dal test Dna. Per lui anche una carriera nel cinema: Simmons recitò come co-protagonista nel film ‘Belly” di Hype Williams, e “Romeo deve morire”.