E quindi uscimmo a riveder le stelle

·1 minuto per la lettura

LA CENA DI ASI PER UNA RITROVATA LIBERTÀ. Stelle doppie, costellazioni e la Luna, illuminata al 95% e distante 357mila km, più vicina del solito, che ha mostrato al telescopio anche i più fini crateri, una visione simile a quella degli astronauti in orbita attorno al nostro satellite. E, dopo mezzanotte, sorge all'orizzonte, il lontano pianeta Saturno con i suoi spettacolari anelli... È stato questo il gran finale di una serata, organizzata da ASI, in cui è stata 'festeggiata' la ritrovata libertà. Libertà di stare insieme, di sentire buona musica senza orari. Un telescopio, posizionato nella zona più buia della battigia, ha raccontato il cielo, con un astrofisico, Paolo Colona, a svelarne i segreti. E la conduttrice della serata, la giornalista RAI Simona Rolandi, a rubare le parole del Sommo poeta per introdurre quel momento: "E quindi uscimmo a riveder le stelle". Da un doppio significato di immediata lettura...

Fregene, stabilimento Saint Tropez dove batte la bandiera ASI. Un happening con oltre duecentocinquanta invitati. Proiettori olografici disposti dalla Twenty Eventi di Alessandro Furnari, ricordano il motivo di questa cena insieme. "Ritrovata libertà": questa è la scritta che si staglia in 3d. Prima della cena esibizioni di Aikido con il Responsabile del Settore Carlo Cocorullo e i suoi, dei giocolieri, della Danza ASI con Mvula Sungani e le sue ballerine. Poi, sarà il turno di ASI Magia con il suo mentore, l'avvocato Remo Pannain, patron di Supermagic, a ricordare che ASI non è solo sport ma anche sociale, Terzo Settore ed Aree extrasportive.

Leggi la news sul sito Asi

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli