E' salva l'edizione di settembre del Salone del Mobile

Annalisa Cretella
·3 minuto per la lettura

AGI - La 59 esima edizione del Salone del Mobile prevista per settembre, dal 5 al 10, si farà. Dopo una settimana di incertezze legate al venir meno di alcuni brand, questa sera è arrivata la nota ufficiale del Salone.

Un'edizione innovativa, iconica, unica. "Al termine di un costruttivo dibattito interno - si legge -, di un intenso lavoro progettuale a cui ci siamo dedicati in queste settimane conclusosi con la totale condivisione e un voto unanime – in cui sono stati analizzati i punti di forza della Manifestazione, i valori storici e simbolici, quelli attuali e prospettici, la coerenza con il programma di rilancio dell'economia del Paese sotto la guida del nuovo Esecutivo, la rilevante condivisione della collettività, le aspettative sia di un pubblico professionale sia di quello generalista in Italia e nel mondo – i vertici del Salone del Mobile.Milano hanno definito i passaggi che nei prossimi giorni determineranno il percorso che porterà all'organizzazione dell'edizione di settembre.  

“Sono fiducioso che grazie al supporto ricevuto dalle istituzioni, in primis dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella e dalla Presidenza del Consiglio, così come dagli altri Ministeri coinvolti e partecipi – sottolinea Gianfranco Marinelli, Presidente di FLA Eventi SpA – e alla volontà delle aziende di dare un contributo alla riuscita della manifestazione, saremo in grado di dare vita a un Salone innovativo e attrattivo sul piano internazionale e di qualità. Siamo consapevoli che il successo di una manifestazione come il Salone del Mobile.Milano sarà confermato dal fatto che i cittadini comprenderanno e apprezzeranno, ancora una volta, l'apporto che è in grado di dare al Paese in termini di crescita, immagine e credibilità. Sono orgoglioso di affermare che anche questa volta daremo il nostro contributo”.

"Ringrazio il consiglio di Presidenza di FederlegnoArredo, i componenti del CdA di Federlegno Arredo Eventi e i nostri imprenditori per aver condiviso punti di vista, idee e necessità – afferma Claudio Feltrin, Presidente di FederlegnoArredo – un lavoro di squadra che ci permetterà di organizzare un'edizione speciale, unica, come unico è il periodo che stiamo vivendo. Abbiamo vinto una grande sfida: dare alle aziende, dalle grandi alle piccole realtà, che rappresentano il tessuto della filiera, la migliore vetrina per valorizzare le eccellenze internazionali e del made in Italy”.

“Ora proseguiremo in questa direzione – ribadisce Feltrin – come sempre in stretta sinergia con la Città di Milano. Gli attestati di stima e vicinanza, giunti in questi giorni da parte di tutte le istituzioni nazionali e locali, sono il riconoscimento migliore ai tanti imprenditori che negli anni hanno reso il Salone del Mobile un concept unico e ammirato nel mondo”. 

"Il Salone del Mobile 2021 si farà ed una bella notizia per Milano e l'Italia", scrive il sindaco di Milano Giuseppe Sala su Facebook. "Sarà un'edizione unica - aggiunge -, che arriva dopo un anno di stop e in un contesto sanitario e socio-economico ancora delicato e complesso, sicuramente più che attrattiva. E già il fatto che quest'anno Milano ospiterà il Salone è di per sé un messaggio di speranza e fiducia di grandissimo valore, in vista della ripresa".  "E il Presidente della Repubblica - conclude - mi ha riconfermato la sua disponibilità ad essere presente all'inaugurazione". 

"Un segnale forte e soprattutto importante", per il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana. "Seppur in edizione 'ridotta' - prosegue il governatore - questa decisione è fondamentale per gli operatori del settore, ma più in generale per tutto il sistema economico-produttivo della Lombardia e dell'intero Paese". "Ringrazio, anche a nome della Regione Lombardia - spiega Fontana - tutte le parti che hanno contribuito al raggiungimento di questo risultato". "Da sempre - conclude il presidente - abbiamo offerto la nostra disponibilità agli organizzatori per fare in modo che Milano e la Lombardia continuassero a essere grandi e assoluti protagonisti del mobile, dell'arredamento e del design".