“E’ una bugia dire che si difendono i lavoratori se non si difendono le imprese”. Giorgio Gori sferza il Pd

Fabio Luppino
·1 minuto per la lettura
10/05/2019 Bergamo. Il sindaco Giorgio Gori, si ricandida alle prossime elezioni comunali (Photo: Gian Vittorio Frau / AGF)
10/05/2019 Bergamo. Il sindaco Giorgio Gori, si ricandida alle prossime elezioni comunali (Photo: Gian Vittorio Frau / AGF)

“L’Italia non cresce da vent’anni, ha una produttività mediamente molto lontana da quelle dei maggiori paesi europei, attrae pochi investimenti dall’estero, innova troppo poco, tende a scivolare verso i segmenti più passi delle catene del valore e schiacciare qualità del lavoro e salari”. Lo scrive Giorgio Gori, sindaco Pd di Bergamo, che in un lungo articolo su “Il Foglio” chiede: “Il Pd vuole farsi carico di questi problemi - e dare quindi rappresentanza all’Italia che lavora e che produce - o no?” Il punto, secondo Gori, ”è la centralità del lavoro, dell’impresa e della crescita”. Il sindaco bergamasco richiama le parole dell’ex presidente dei giovani industriali del Veneto, Giordano Riello, convinto che “nessuna forza politica ha in cima all’agenda i temi che interessano le regioni più industrializzate”, e osserva: “Quello che pensa Riello lo pensano la gran parte degli imprenditori, degli operai, degli artigiani, dei commercianti, delle partite iva, degli autonomi e dei professionisti che vivono e lavorano nel nostro paese, a partire da quelli del nord”. E al suo partito ricorda: “E’ una bugia dire che si difendono i lavoratori se non si difendono le imprese”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.