Ebrei, Ciani (Demos): stringersi intorno a comunità ebraica

Gci

Roma, 12 ott. (askanews) - "Quanto accaduto in Germania e' gravissimo. Ancora oggi le istruzioni ebraiche hanno bisogno di essere protette dalle forze dell'ordine perché sono obiettivi sensibili di folli armati, che si alimentano del clima di odio e violenza diffusa. Bisogna esprimere vicinanza agli ebrei perché non si sentano soli. Perche' sappiano che quanto e' avvenuto in passato nel silenzio generale non potra' ripetersi mai piu', per la mobilitazione di cittadini e istituzioni. Per questo stasera partecipero' una volta ancora alla marcia per ricordare la deportazione degli ebrei di Roma, organizzata dalla Comunita' ebraica e dalla Comunita' di Sant'Egidio". Lo afferma Paolo Ciani, coordinatore nazionale di Democrazia Solidale, che invita a stringersi intorno alle comunita' ebraiche italiane, ricordando come proprio in questi giorni si fa memoria della deportazione degli ebrei di Roma, avvenuta il 16 ottobre 1943 ad opera dei nazisti. Un anniversario che cade quest'anno pochi giorni dopo il tragico attentato ad Halle, in Germania.

"La memoria del passato e la gravita' dei fatti presenti siano - aggiunge Ciani - un impegno per costruire un futuro diverso: antisemitismo, razzismo e intolleranza sono inaccettabili per chi si riconosce nei valori della Costituzione della nostra Repubblica".