Ecclestone: "Fosse per me, nel 2020 non ci sarebbe alcun GP"

Francesco Corghi

Bernie Ecclestone è un fiume in piena e appare molto scettico su quella che sarà la stagione 2020 di Formula 1.

L'ex-padrino del circus non è affatto convinto che la situazione legata al Coronavirus possa sistemarsi in tempi brevi; anzi, secondo lui quest'anno è praticamente andato, dunque sarebbe meglio concentrarsi sul prossimo.

“Cosa farei oggi? Penserei a piantarla coi discorsi di fare gare quest'anno - ha detto Ecclestone all'agenzia Reuters - E' l'unica cosa da fare per la sicurezza della gente, nessuno dovrebbe pensare a stupide organizzazioni per qualcosa che poi non ci sarà. Guardate le Olimpiadi, le hanno spostate al 2021. Dispiace, ma è così".

Nonostante questo, Chase Carey ad inizio settimana ha dichiarato che l'intenzione di Liberty Media è quella di affrontare almeno 15-18 impegni del calendario 2020, cosa di cui Bernie non è per nulla convinto.

"Sarei molto, ma molto sorpreso se si riuscisse a fare tutto ciò, spero chiaramente che ci riescano e che magari, per completare la stagione, mettano tre o quattro gare all'inizio dell'anno prossimo. Me lo auguro, veramente, ma il problema è andare in un posto dove i team vogliono correre e dove c'è un promoter che ne ha l'intenzione. In questo momento di attesa si può pensare bene al calendario, ma bisogna trovare chi ha voglia di organizzare i GP".

L'89enne inglese ha anche allontanato l'ipotesi che in estate si possa procedere con le operazioni. Nella sua patria le competizioni sono state sospese fino alla fine di giugno e il GP di Gran Bretagna a metà luglio sarà dura che si possa disputare.

"C'è gente che dice che va tutto bene, come Donald Trump in America. Magari ha ragione, io non ne sono così sicuro, ma forse ha informazioni che noi non abbiamo. Sono certo che a Silverstone non ci si andrà, ho parlato con Charles March, Duca di Richmond e proprietario di Goodwood, dove è stato spostato il Festival Of Speed. La situazione è la stessa, chi ci andrebbe là?"

Ecclestone resta comunque fiducioso su quello che si potrà fare in questo periodo, dando un consiglio... economico a Carey e soci.

"Per Liberty Media è un'ottima occasione per sistemare le cose, prendere il posto dei promoter e tagliare i costi per i team. Servono 70 persone anziché 700 per farlo".

Bernie Ecclestone, Chairman Emiritus of Formula 1

Bernie Ecclestone, Chairman Emiritus of Formula 1 Mark Sutton / Motorsport Images

Mark Sutton / Motorsport Images

Bernie Ecclestone, Presidente Emerito della Formula 1, in griglia

Bernie Ecclestone, Presidente Emerito della Formula 1, in griglia Mark Sutton / Motorsport Images

Mark Sutton / Motorsport Images

Bernie Ecclestone, Chairman Emiritus of Formula 1 e Thomas Ueberall, Red Bull nel paddock

Bernie Ecclestone, Chairman Emiritus of Formula 1 e Thomas Ueberall, Red Bull nel paddock Mark Sutton / Motorsport Images

Mark Sutton / Motorsport Images

Bernie Ecclestone

Bernie Ecclestone Glenn Dunbar / Motorsport Images

Glenn Dunbar / Motorsport Images

Bernie Ecclestone con Carmelo Carmelo Ezpeleta, CEO Dorna Sports

Bernie Ecclestone con Carmelo Carmelo Ezpeleta, CEO Dorna Sports Gold and Goose / Motorsport Images

Gold and Goose / Motorsport Images

Bernie Ecclestone con Carmelo Carmelo Ezpeleta, CEO Dorna Sports

Bernie Ecclestone con Carmelo Carmelo Ezpeleta, CEO Dorna Sports Gold and Goose / Motorsport Images

Gold and Goose / Motorsport Images

Bernie Ecclestone, Chairman Emiritus di Formula 1

Bernie Ecclestone, Chairman Emiritus di Formula 1 Jerry Andre / Motorsport Images

Jerry Andre / Motorsport Images

Bernie Ecclestone, Chairman Emiritus di Formula 1, con sua moglie Fabiana

Bernie Ecclestone, Chairman Emiritus di Formula 1, con sua moglie Fabiana Simon Galloway / Motorsport Images

Simon Galloway / Motorsport Images

Bernie Ecclestone, Chairman Emiritus di Formula 1

Bernie Ecclestone, Chairman Emiritus di Formula 1 Mark Sutton / Motorsport Images

Mark Sutton / Motorsport Images

Bernie Ecclestone, Chairman Emiritus di Formula 1

Bernie Ecclestone, Chairman Emiritus di Formula 1 Mark Sutton / Motorsport Images

Mark Sutton / Motorsport Images

Dmitry Kozak, Deputy Primo Ministro della Federazione russa, incontra Bernie Ecclestone, Chairman Emiritus di Formula 1

Dmitry Kozak, Deputy Primo Ministro della Federazione russa, incontra Bernie Ecclestone, Chairman Emiritus di Formula 1 Mark Sutton / Motorsport Images

Mark Sutton / Motorsport Images

Bernie Ecclestone, Chairman Emiritus di Formula 1 e sua moglie Fabiana Flosi

Bernie Ecclestone, Chairman Emiritus di Formula 1 e sua moglie Fabiana Flosi Mark Sutton / Motorsport Images

Mark Sutton / Motorsport Images

Bernie Ecclestone, Chairman Emiritus of Formula 1, and Christian Horner, Team Principal, Red Bull Racing

Bernie Ecclestone, Chairman Emiritus of Formula 1, and Christian Horner, Team Principal, Red Bull Racing Mark Sutton / Motorsport Images

Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari e Bernie Ecclestone, Presidente emerito della Formula 1, nel garage Ferrari

Sebastian Vettel, Ferrari e Bernie Ecclestone, Presidente emerito della Formula 1, nel garage Ferrari Mark Sutton / Motorsport Images

Mark Sutton / Motorsport Images

Bernie Ecclestone, Presidente emerito della Formula 1, e Christian Horner, Team Principal, Red Bull Racing

Bernie Ecclestone, Presidente emerito della Formula 1, e Christian Horner, Team Principal, Red Bull Racing Zak Mauger / Motorsport Images

Zak Mauger / Motorsport Images