Ecco come comportarsi se a scuola c'è un nuovo positivo

·3 minuto per la lettura

AGI - Arrivano le nuove istruzioni per le scuole in caso di positività al Covid-19. La nota tecnica del ministero dell'Istruzione alle scuole e firmata dal Capo Dipartimento per le risorse umane, finanziarie e strumentali Jacopo Greco e dal Direttore Generale della prevenzione sanitaria Giovanni Rezza descrive tutti i passi da compiere.

 "Il dirigente scolastico, o un suo delegato:

  • informa il Dipartimento di Prevenzione (DdP) della presenza del caso positivo a scuola;

  • individua i «contatti scolastici»;

  • sospende temporaneamente le attività didattiche in presenza per i «contatti scolastici»;

  • trasmette ai «contatti scolastici» le indicazioni standardizzate preventivamente predisposte dal DdP; segnala al DdP i «contatti scolastici» individuati".


Il dirigente scolastico individua come “contatti scolastici”:

  • i bambini appartenenti alla stessa sezione/gruppo del caso positivo per i servizi educativi per l'infanzia e le scuole dell'infanzia, i compagni di classe del caso positivo (per la scuola primaria e secondaria),

  • il personale scolastico (educatori/operatori/insegnanti) che ha svolto attività in presenza per almeno 4 ore nello stesso ambiente del caso positivo.

Sono comunque presi in considerazione i contatti intervenuti nelle 48 ore prima dell'insorgenza dei sintomi del caso oppure nelle 48 ore antecedenti la data dell'esecuzione del test risultato positivo (se il caso è asintomatico).

Con riferimento a tali soggetti, fino all'intervento dell'autorità sanitaria, il dirigente scolastico (o suo delegato) è autorizzato a sospendere temporaneamente le attività didattiche in presenza e trasmette loro le disposizioni standardizzate, preventivamente predisposte dalle autorità sanitarie, contenenti le indicazioni da seguire.

La principale novità è rappresentata dal fatto che i «contatti scolastici» sono sottoposti, secondo tali indicazioni, a sorveglianza con testing e devono, dunque, effettuare test diagnostici con le tempistiche indicate nel documento tecnico e predisposte dal DdP:

  • se il risultato è negativo possono rientrare a scuola;

  • se invece è positivo, non possono rientrare a scuola e devono informare il DdP e il MMG/PLS.

  • Il DdP informa tempestivamente il dirigente scolastico/referente scolastico Covid-19 in caso di ulteriori casi positivi.

  • Il dirigente scolastico/referente scolastico Covid-19 sarà informato secondo le procedure adottate localmente per i casi positivi occorsi tra gli studenti e gli operatori scolastici".

"In merito alle condizioni di rientro a scuola per i soggetti sottoposti a misure di salute pubblica - prosegue ancora la nota - è previsto quanto segue: il rientro a scuola dei soggetti sottoposti a sorveglianza con testing può avvenire solo se questi sono in possesso di attestazione rilasciata dai Servizi di Igiene e Sanità Pubblica in merito all'effettuazione del tampone e all'avvenuto rilascio del relativo risultato ovvero in seguito ad una comunicazione da parte del DdP; le condizioni per il rientro a scuola dei soggetti posti in quarantena sono verificate da parte dei DdP in applicazione della Circolare del Ministero della Salute n. 36254 del 11 agosto 2021 che prevede misure differenti in funzione dello stato vaccinale o dell'esito del test diagnostico; tali dati non sono nella disponibilità della scuola e quindi non vanno trattati. Si ritiene utile evidenziare, infine, che i DdP provvederanno ad individuare, per ciascun Istituto, figure istituzionali che possano, in qualità di referenti, intervenire tempestivamente e in ogni fase della procedura a supporto del dirigente scolastico/referente scolastico Covid-19", conclude il documento.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli