Ecco come gli Assiri conquistarono Israele

·4 minuto per la lettura

AGI - Per la prima volta è stato possibile risalire a come l'esercito assiro abbia costruito la mastodontica rampa d'assedio usata per conquistare la città giudea di Lachish nel 701 a.C.. A ricostruire questo frammento della storia dell'umanità è stato un team di archeologi guidato dall'università Ebraica di Gerusalemme e i loro risultati sono stati pubblicati su Oxford Journal of Archaeology.

La potenza degli Assiri

In passato, gli Assiri erano una delle più grandi superpotenze del Vicino Oriente, controllavano un territorio che si estendeva dall'Iran all'Egitto. Hanno compiuto questa impresa con tecnologie militari che li hanno aiutati a vincere qualsiasi battaglia in campo aperto o a penetrare in qualsiasi città fortificata. Nel IX-VII secolo a.C. il vantaggio tattico bellico ruotava intorno alla rampa d'assedio, una struttura elevata che trasportava rampe di assalto fino alle mura della città nemica e che ha permesso ai soldati neo-assiri di devastare le strutture avversarie. 

Costruita in Israele, la rampa d'assedio assira di Lachis è l'unico esempio fisico sopravvissuto della loro abilità militare in tutto il Vicino Oriente. I ricercatori hanno attinto ad un ricco numero di fonti su questo evento storico per fornire un quadro completo. L'eccezionale quantità di dati include testi biblici, iconografia, iscrizioni accadiche, scavi archeologici, e fotografie di droni del 21° secolo.

Lachis era una fiorente città cananea del secondo millennio a.C. ed era stata la seconda città più importante del Regno di Giuda. Nel 701 a.C. Lachis fu attaccata dall'esercito assiro, guidato dal re Sennacherib. L'analisi di Yosef Garfinkel, professore dell'Istituto di archeologia dell'Università Ebraica di Gerusalemme (HU), ha fornito un vivido resoconto della costruzione della massiccia rampa che fu costruita dagli assiri, in modo che potessero trasportare arieti fino alla città collinare di Lachis, violare le sue mura e invadere completamente la città.

Le ipotesi sulla costruzione della rampa

Ci sono state diverse opinioni contrastanti su come è stato realizzato il formidabile compito di costruire la rampa. Tuttavia, il metodo rigoroso impiegato da Garfinkel e dal suo team, compresa l'analisi fotogrammetrica delle fotografie aeree e la creazione di una mappa digitale dettagliata del relativo paesaggio, ha prodotto un modello pratico che tiene conto di tutte le informazioni disponibili su quella battaglia. Secondo Garfinkel, le prove sul sito hanno chiarito che la rampa era fatta di piccoli massi, di circa 6,5 kg ciascuno. Un grosso problema affrontato dall'esercito assiro era la fornitura di tali pietre, poiché erano necessarie circa tre milioni. La raccolta di pietre naturali dai campi intorno al sito richiederebbe molto tempo e rallenterebbe la costruzione della rampa. 

Una soluzione migliore sarebbe quella di estrarre le pietre il più vicino possibile all'estremità opposta della rampa. “A Lachish c'è davvero una scogliera esposta del substrato roccioso locale esattamente nel punto in cui ci si aspetterebbe che sia”, ha condiviso Garfinkel. La ricerca ha suggerito che la sua costruzione sia iniziata a circa 80 metri di distanza dalle mura della città di Lachis, vicino a dove si potevano estrarre le pietre necessarie per la rampa.

Le pietre sarebbero state trasportate lungo catene umane, passate di mano in mano. Con quattro catene umane che lavorano in parallelo sulla rampa, ciascuna attiva 24 ore su 24, Garfinkel ha calcolato che ogni giorno venivano spostate circa 160.000 pietre. “Il tempo era la principale preoccupazione dell'esercito assiro. Centinaia di operai lavoravano giorno e notte trasportando pietre, possibilmente in due turni di 12 ore ciascuno. La manodopera era probabilmente fornita dai prigionieri di guerra e dai lavori forzati della popolazione locale.

Gli operai erano protetti da massicci scudi posti all'estremità settentrionale della rampa. Questi scudi venivano fatti avanzare verso la città di pochi metri ogni giorno”, ha descritto Garfinkel. Nella fase finale, le travi di legno sono state posate sopra le pietre, dove sarebbero stati posizionati in modo sicuro gli arieti all'interno delle loro massicce macchine d'assedio del peso di 1 tonnellata.

L'ariete, una grande e pesante trave di legno con una punta di metallo, colpiva le pareti venendo fatto oscillare avanti e indietro. Garfinkel ha suggerite che l'ariete fosse sospeso all'interno della macchina d'assedio su catene metalliche, poiché le corde si sarebbero consumate rapidamente. In effetti, una catena di ferro è stata trovata in cima alla rampa di Lachis. Per avere ulteriori conferme, Garfinkel ha spiegato che sta “pianificando scavi a Lachis, all'estremità della rampa nell'area della cava. Questo potrebbe fornire ulteriori prove dell'attività dell'esercito assiro e di come è stata costruita la rampa”. 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli