Ecco come limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi

·2 minuto per la lettura

AGI - Un bilancio globale dell'emissione di carbonio legato all'energia e suddiviso per industrie, come l'alluminio, l'acciaio, le industrie chimiche, quelle automobilistiche e aeronautiche, è stato sviluppato dagli scienziati della University of Technology Sydney (UTS). I 12 principali settori industriali e dei servizi analizzati sono stati: alluminio, chimica, cemento, industria siderurgica, tessile e conciaria, utility per l'energia e il gas, agricoltura, silvicoltura, industria aeronautica e navale, trasporto su strada, immobiliare ed edilizia.

La ricerca mostra che è ancora possibile limitare il riscaldamento globale a 1,5 C e attuare l'Accordo di Parigi sul clima. Ciò, tuttavia, richiede un'azione climatica tempestiva da parte delle industrie ad alta intensità energetica, supportate dal settore finanziario, sostenute da politiche affidabili e di lungo termine da parte dei governi.

"E' fondamentale disporre di un bilancio del carbonio basato sulla scienza per industrie specifiche per attuare gli obiettivi climatici per tutte le parti di queste industrie - ha affermato Sven Teske, professore presso la UTS e autore dello studio -. Abbiamo scoperto che le aziende elettriche hanno di gran lunga la responsabilità maggiore: devono fornire elettricità rinnovabile sufficiente per le industrie chimiche, siderurgiche, del cemento e dell'alluminio ad alta intensità energetica e per i veicoli elettrici che non hanno più bisogno di petrolio".

Il bilancio globale del carbonio per limitare il riscaldamento globale a +1,5 C, con una certezza del 67%, è di 400 miliardi di tonnellate di CO2 fino al 2050. L'industria siderurgica avrebbe una quota residua di 19 miliardi di tonnellate di CO2 (5,0%), 9 per l'industria del cemento (2,4%) e 6 per l'industria dell'alluminio (1,6%).

I maggiori budget di carbonio sono calcolati per gli edifici (climatizzazione ed elettricità) con 88 miliardi di tonnellate di CO2 (22,6%) e il trasporto su strada con 82 (21,1%).

Gli obiettivi di emissione per un settore specifico, ad esempio il settore dell'industria siderurgica, e le emissioni per "ambito", possono essere utilizzati come punto di riferimento e guida per il processo decisionale del portafoglio di investimenti.

E' ora possibile sviluppare percorsi di emissione per le classificazioni del settore, che vengono quindi catturati in un modello coerente in linea con il livello di "ambizione zero". I membri della Net Zero Asset Owner Alliance convocata dalle Nazioni Unite hanno già iniziato a utilizzare il modello. 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli