Ecco da dove arrivano le stelle cadenti delle prossime notti d’estate

Cosa fare per vedere le stelle cadenti? Allontanarsi dalla città, stendersi per terra e avere pazienza (Getty)

I più romantici se ne stanno con il naso all’insù per ammirare una scia di una stella cadente. È tempo di Delta Acquaridi, le stelle cadenti di luglio e agosto. Lo sciame meteoritico è iniziato il 12 luglio scorso ma si protrarrà fino al 19 agosto. In questi giorni c’è il picco delle Sud Delta Acquaridi, la componente meridionale di questo sciame, mentre per quello delle Nord Delta Acquaridi bisognare pazientare fino all’8 agosto.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Asteroide in arrivo il 10 agosto

Le previsioni

Si vedranno circa 20 meteore ogni ora. Per lasciarvi incantare da questo fenomeno celeste, meglio scegliere un posto isolato, lontano dall’inquinamento luminoso della città e guardate bene nella direzione dell’Acquario, proprio lì si originano le stelle cadenti.

Le Delta Acquaridi

Le Delta Acquaridi sono uno sciame meteorico, dall’origine incerta. Alcuni sostengono che lo sciame sia composto dai residui della Cometa 96P Machloz, che prende il nome da Donald Machholz, l’astronomo che l’ha scoperta, nel 1986. Ma ci sono anche altre ipotesi. Il loro nome deriva da Delta, la terza stella più luminosa nella costellazione dell’Acquario che il radiante, ossia il punto del cielo da cui provengono questi corpi celesti.

Le componenti

Le Delta Acquaridi hanno due componenti: le Sud Delta Acquaridi e le Nord Delta Acquaridi. Il picco delle prime è alla fine di luglio, senza che ci sia la Luna a disturbare. Le Nord Delta Acquaridi, invece, sono attive dal 15 luglio al 25 agosto, con un picco atteso per l’8 agosto.

Meglio ammirarle nell’altro emisfero

Secondo la Nasa, le Delta Acquaridi sono meno intense rispetto ad altri sciami e si vedono meglio nell’emisfero australe. Ciò nonostante, anche chi vive nelle latitudini più meridionali di quello boreale può riuscire ad ammirarne qualcuna. Come fare? Allontanarsi dalla città, stendersi per terra e avere pazienza. Gli occhi ci mettono 30 minuti per abituarsi al buio. E poi sono pronti per mirare le stelle cadenti.