Ecco Sparrow, il magazziniere robot di Amazon che riconosce i prodotti

JOSEPH PREZIOSO / AFP

AGI - Nel laboratorio di robotica di Amazon alla periferia di Boston, Massachusetts, il nuovissimo automa dell'azienda "Sparrow" seleziona gli articoli da spedire ai clienti, mostrando destrezza simile a una mano umana. È il robot più avanzato del gigante dell'e-commerce e potrebbe presto fare il lavoro delle centinaia di migliaia di dipendenti Amazon che smistano e inviano cinque miliardi di pacchi all'anno.

Lo sviluppo di "Sparrow" e di altri robot come "Robin" e "Cardinal" stanno alimentando i timori che i magazzini di Amazon un giorno saranno gestiti da macchine, portando a enormi licenziamenti.

Il capo della robotica di Amazon, Tye Brady, minimizza tali preoccupazioni, che sono state espresse dai sindacati. "Non sono macchine che sostituiscono le persone", dice ai giornalisti durante un tour del laboratorio, aperto a Westborough nell'ottobre dello scorso anno. "In realtà sono macchine e persone che lavorano insieme per collaborare per svolgere un lavoro".

Dotato di telecamere e tubi cilindrici, Sparrow può rilevare e selezionare con successo un singolo articolo da milioni di prodotti di diverse forme e dimensioni. Aspira delicatamente gli oggetti che arrivano su un nastro trasportatore e li distribuisce nell'apposito cestello davanti ad esso utilizzando il suo braccio robotico.

Robin e Cardinal possono reindirizzare solo interi pacchi, rendendo Sparrow il primo robot di Amazon in grado di gestire singoli prodotti. "Data la varietà di materiali che abbiamo nei nostri magazzini, Sparrow è un risultato significativo", afferma Brady.

Le creazioni libereranno i dipendenti da compiti ripetitivi per concentrarsi su attività "più gratificanti e interessanti" mentre "miglioreranno la sicurezza", insiste Brady. L'obiettivo di Amazon è garantire che trascorra il minor tempo possibile tra il momento in cui un cliente ordina un articolo e il momento in cui arriva alla sua porta.

Sempre sul fronte dell'automazione, Amazon entro la fine di quest'anno inizierà a consegnare con droni pacchi fino a due kg, in meno di un'ora dai magazzini di Lockeford, California e College Station, Texas.

L'azienda punta a consegnare 500 milioni di pacchi tramite le macchine volanti entro la fine del decennio, anche nelle principali città degli Stati Uniti come Boston, Atlanta e Seattle.

Secondo Joe Quinlivan, vicepresidente di Amazon Robotics, circa il 75% dei cinque miliardi di ordini annuali di Amazon viene gestito a un certo punto da un robot. Però, gli studi suggeriscono che il passaggio ai robot nell'e-commerce non porterà a massicce perdite di posti di lavoro, a breve e medio termine, a causa dell'enorme crescita della domanda.

Tuttavia, uno studio del 2019 del Labor Center dell'Università della California a Berkeley ha avvertito che mentre alcune tecnologie possono alleviare le ardue attività di magazzino, potrebbero anche contribuire ad aumentare il "carico di lavoro e il ritmo di lavoro".

I ricercatori hanno aggiunto che i progressi tecnologici potrebbero anche contribuire a "nuovi metodi di monitoraggio dei lavoratori" e hanno citato il videogioco MissionRacer di Amazon "che mette i lavoratori l'uno contro l'altro per assemblare gli ordini dei clienti più velocemente".

Dal proprio canto, Amazon risponde che la sua innovazione ha generato più di un milione di posti di lavoro e 700 nuove categorie di lavoro, principalmente nell'ingegneria altamente specializzata, ma anche come tecnici e operatori. "Penso davvero che ciò che faremo nei prossimi cinque anni farà impallidire tutto ciò che abbiamo fatto negli ultimi dieci anni", afferma Quinlivan.