Ecco i suggerimenti per i vostri figli che non mangiano a scuola

·2 minuto per la lettura
Bambini che non vogliono mangiare a scuola
Bambini che non vogliono mangiare a scuola

Non c’è niente di peggio per un genitore che accogliere suo figlio a casa da scuola, aprire il sacco del pranzo per pulirlo, e scoprire che è pieno di cibo non consumato. Oltre al fatto che è dispendioso (sia il cibo e il tempo che avete speso), c’è la preoccupazione che vostro bambino non mangia abbastanza quando è lontano da voi. Cosa si può fare? Prova uno di questi consigli!

Bambini che non vogliono mangiare a scuola

Assicurati di fornire una colazione abbondante e nutriente e concedi del tempo al tuo bambino per mangiare tutto.

Essere pazienti

Per alcuni bambini, soprattutto quelli che vanno all’asilo, ci vuole un po’ di tempo per abituarsi a mangiare a scuola. Siate pazienti e fate in modo che i bambini si prendano il loro tempo.

Spuntino pomeridiano

Fino a quando il problema non si risolve, provate a offrire al bambino una merenda più grande del normale (o anche un mini pasto) dopo la scuola.

Ricorda loro perché è importante

Insegna al tuo bambino che mangiare il pranzo dà loro più energia per la ricreazione e l’attività fisica e più attenzione per l’apprendimento.

Coinvolgerli

La ricerca dimostra che quando i bambini aiutano i genitori a preparare il pranzo, sono più propensi a mangiare. Inoltre questo li aiuta anche a diventare responsabili.

Preparate cibi che a loro piacciono

Se c’è un pasto che tuo figlio mangia costantemente, continua ad offrirlo. I bambini in genere non si preoccupano di ripetere i pasti come fanno gli adulti.

Chiacchierare con le maestre

Gli educatori e il personale di supporto hanno probabilmente avvertito il problema e potrebbero darvi dei consigli che sono stati utili per altri bambini in passato.

Prendere in considerazione le conseguenze

É davvero un problema che il vostro bambino non sta mangiando molto a pranzo? Potete anche non insistere troppo in un primo momento, se questa situazione non sta causando conseguenze importanti. Ricordate il vecchio detto: tutto passa.