Economia circolare e nuovi materiali: la ricerca europea si mobilita

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 8 set. (askanews) - Un nuovo progetto in cui sono coinvolte più di 40 grandi infrastrutture di ricerca europee che ha l'ambizioso obiettivo di sviluppare nuovi materiali ad elevata riciclabilità e con funzionalità competitive. Si chiama ReMade@ARI ed è focalizzato, in particolare, sulla ricerca e l'adozione di materiali innovativi per componenti chiave utilizzati in vari settori come l'elettronica, l'imballaggio o il tessile.

Al supermercato, per esempio, frutta e verdura sono spesso confezionate in contenitori di plastica per preservarle da urti o prolungarne la durata di conservazione. In futuro, i materiali a base biologica derivati dal legno potrebbero rappresentare un'alternativa sostenibile. Altro ambito di grande interesse è quello del riciclo delle apparecchiature elettroniche. È qui che entra in gioco ReMade@ARI: la ricerca che porta allo sviluppo di nuovi materiali sofisticati si basa fondamentalmente sull'accesso ad importanti infrastrutture di ricerca europee, all'avanguardia a livello mondiale, tra le quali c'è anche Elettra Sincrotrone Trieste.

Elettra - informa una nota - è tra i partner di progetto della rete ARIE (Analytical Research Infrastructures for Europe) che riunisce 7 network europei fra i quali quelli delle sorgenti di sincrotrone e FEL, di laser e di neutroni. Fornirà supporto scientifico e di elaborazione dei dati presso alcune delle linee di luce di microscopy-imaging selezionate per progetti di ricerca all'avanguardia e scelti da un gruppo di revisione scientifica. Gli scienziati di Elettra saranno inoltre coinvolti nel programma di istruzione e formazione di Re-Made@ARI per giovani ricercatori, creato e condiviso tra i partecipanti al progetto.

Già dal marzo del 2020 la Commissione europea ha adottato il nuovo Piano d'azione per l'economia circolare (CEAP), facendone uno degli elementi principali del Green Deal europeo, l'agenda europea per la crescita sostenibile. La transizione dell'UE verso un'economia circolare, oltre a ridurre la pressione sulle risorse naturali e creare crescita e occupazione sostenibili, è anche un prerequisito per raggiungere l'obiettivo di neutralità climatica dell'UE nel 2050.

Il Piano prevede iniziative lungo l'intero ciclo di vita dei prodotti: si concentra sulle modalità di progettazione, promuove i processi di economia circolare, incoraggia il consumo sostenibile e mira a garantire che i rifiuti vengano reimpiegati e le risorse utilizzate rimangano il più a lungo possibile nel ciclo economico. Secondo questo Piano, si stima che l'industria possa determinare in fase di progettazione di un prodotto fino all'80% del successivo impatto ambientale. Allo stato attuale il modello di produzione lineare offre tuttavia pochi incentivi per rendere i prodotti più sostenibili.

Nell'ambito del progetto ReMade@ARI - che ha avuto un finanziamento di 13,8 mln di euro nell'ambito del programma Horizon Europe - verranno forniti ai ricercatori che lavorano alla progettazione di nuovi materiali riciclabili, strumenti analitici che consentano di esplorare le proprietà e la struttura dei materiali nei minimi dettagli, fino alla risoluzione atomica. Essendo necessario l'utilizzo di metodi analitici più diversi, che prevedono opportune combinazioni di fotoni, elettroni, neutroni, ioni, positroni e campi magnetici elevatissimi, team provenienti dalla ricerca accademica o industriale che lavorano su nuovi materiali riciclabili potranno accedere in modo facile e coordinato alle migliori e più avanzate infrastrutture di ricerca.